17.3.12

Settimo non rubare


Il sindaco di Bari Emiliano riceveva spigole e champagne da un imprenditore. Lusi mangiava spaghetti a peso d'oro con i soldi della Margherita. Il leghista Boni prendeva la sua parte di stecca in un oliato sistema di esazione alle imprese. Per carità, tutti sono innocenti e qui siamo davvero garantisti, ma queste tre storie sono la metafora del Paese e della sua politica, di quello che a Roma con efficacia figurativa viene chiamato "magna magna".Settimo non rubare. Il caso Lusi è esemplare: fa sparire dal bilancio della Margherita svariati milioni di euro e nessuno se ne accorge. Compra, investe, taglia impietosamente i rimborsi dei colleghi mentre lui fa la bella vita. Anche questa è Italia.

13 commenti:

  1. Se io arrivo in ritardo al parcheggio e il ticket è scaduto, mi perseguitano per tre generazioni.

    RispondiElimina
  2. Io insisto che non esiste "la politica" come classe separata dai "cittadini". Il tasso di cialtronaggine e delinquenza tra i "politici" è uguale o inferiore a quello riscontrabile tra la popolazione.

    Ho sentito qualcuno dire "li eleggiamo perché siano meglio di noi". Si, come no. Questo è il classico ragionamento di una testa rimasta nell'infanzia quando io regali te li porta Babbo Natale. O che mente sapendo di mentire.

    Questo è il Paese di Schettino.

    RispondiElimina
  3. Hai ragione. Anche questa è Italia ma sopratutto questa è una vergogna esclusivamente italiana.
    Complimenti per la foto.
    A presto.

    RispondiElimina
  4. Questa è l'Italia peggiore. Uno schifo a cui metter fine. Bastaaaaa!!!

    RispondiElimina
  5. In Italia rubano un pò tutti, i banchieri rubano tramite sportelli cartelli e canestrini, i politici di mestiere rubano alla fonte tramite decreti manovre finanziarie affari e malaffari...i "lusi" rubano ai politici e questi fessi (vedi rutelli) strillano e strepitano dicendo che non ne sapevano niente, magari intascando,per non fare la figura dei fessi...

    RispondiElimina
  6. @angelo azzurro

    tutto questo è frutto dell’impoverimento dell’educazione civica, del prendi i soldi e scappa applicato a ogni evento, dell’autoaffondamento della politica a favore delle logiche di clan, del brutale allontanamento del merito, della cultura dell’immagine che si è mangiata la parola e il ragionamento lasciandoci l’arroganza sbattuta in faccia, di una legge elettorale che favorisce solo la costituzione di “cerchi magici” e corti di regnanti.

    Si parte da qui, dalle regole del voto. E dalla ricostruzione dei partiti. La corruzione si combatte rimettendo al centro della scena la politica, cancellando la logica del business e riscoprendo quella del servizio pubblico.

    Chi sbaglia dovrebbe andare a casa. Non c’è bisogno di inventare niente, sono regole scritte da molto tempo, in maniera semplice, comprensibile a tutti.

    C'è solo da sperare che la magistratura azzera questi ladri della seconda repubblica, più voraci di quelli della prima e ci regali una classe politica diversa...

    So che è un'utopia, ma io mi auguro un politico per passione e non un politico, come quello di oggi, di professione.

    RispondiElimina
  7. Sull'innocenza avrei seri dubbi. Se ne approfittano tutti. Bellissima la foto, pure io mi associo alla "cura".

    Bacio e buon lunedì!

    RispondiElimina
  8. Sono anche furbi? Sperano di farla franca? Certo che per ora di fronte ai cittadini ci fanno una bruttissima figura. Ma essi, i ladri,sanno benissimo che poi il popolo dimentica.
    Razza di mascalzoni loro e chi li vota.

    RispondiElimina
  9. oggi hanno beccato pure La Russa, il fratellino del ministro del PDL famoso proprio alla regione Lombardia. Beccato pure lui a rubare come gli altri e mò sò cazzi amari... Un ladro al giorno e, a volte, anche due, tutti presi con il sorcio in bocca. Poi ci dicono di andare a votare per renderci complici di tutti questi intrallazzi ... Votare?... Ma votare chi? Brutti stronzi.

    RispondiElimina
  10. @il monticiano

    CORRUZIONE ? diventata purtroppo una malattia infettiva il motivo pricipale del crollo della BERLUSSIA. La corruzione ormai si propaga a macchia d`olio su tutta l`aura delle persone concomitanti con risultati alla lunga disastrosi... Per curarla , come tutte le mallattie infettive occorrerà molto tempo, una buona cura con un buon medico,un comportamento conseguente dato che il VIRUS é difficilissimo da imbrigliare, particolarmente se il ceppo rimane vitale allo scoperto...Ci vorrebbe un altro pool di mani pulite e stavolta dovrebbero portarli tutti alla forca in pubblica piazza. Questa é l`ITALIA di oggi con la malattia diventata cronica ed il ceppo da come si vede é ancora scoperto e vitale particolarmente tra i mediocri politici degli ultimi 15 vent`anni...e i loro parenti più stretti. Quì ti compri una casa in fronte Colosseo e non sai chi te l'ha pagata... Saccheggi le casse di un partito morto (Margherita) fregandoti decine di milioni di euro e nessuno ne sà niente... Meno male che ci sono le sante intercettazioni che hanno spaccato il culo al Berlusca e tanti altri ne stanno accompagnando al Gabbio

    RispondiElimina
  11. eèèèhhh ve piacerebbe da avecce la merkel come primo ministro, che se ne va al mercato senza scorta a fà la spesa? Accontentave da esse tajani, tirate avanti, tanto non c'è niente da fare, il bobbolo vinse quando i paraculi lo convinsero che nun era giusto de fasse governà da gente onesta r dura e piantata lì come pioli e lo fecero scenne in piazza a fa barricate contro gli austriaci

    RispondiElimina
  12. dall'assolata padania ti garantisco che il nepotismo è proprio dilagante, figli di Bossi, parenti di LaRussa, non parliamo della mazzette, a loro vanno quelle, a noi le mazzate !

    RispondiElimina
  13. son preoccupato sopratutto perchè Bossi ha un altro figlio da sistemare... farà l'amplein.

    RispondiElimina