6.5.11

Chieti - Facce da Galera ?


Dopo aver parlato nel post precedente di immondizia abbandonata nei posti più disparati e quasi doveroso di parlare di quest'altra "immondizia morale" dei giorni nostri. Chiesto processo per Minetti, Fede e Mora. Voi questi signori, per le accuse loro rivolte credete possano finire in galera?  L'istigazione alla prostituzione oggi è un reato tra i più gravi, nonostante questo veniva fatto, per ingraziarsi un Premier che mostrava tanta generosità per questi suoi collaboratori. Si parla di milioni e milioni di euro spesi in "beneficienza", almeno stando a quello che lui ci ha detto. La procura di Milano comunque, va avanti per la sua strada e ha oggi chiesto il rinvio a giudizio per Nicole Minetti, Emilio Fede e Lele Mora, con l'accusa di induzione e favoreggiamento della prostituzione anche minorile per il caso Ruby. La richiesta e' stata inoltrata al gup Maria Grazia Domanico. 

nonno enio

12 commenti:

  1. ...Di questa bella saga!Si per me sono facce da galeotti e dovrebbero stare in carcere un pò per rendersi conto di che male sono stati colpiti: "la padreternite acuta" insiemme al loro sponsor!

    Tutto questo accade in Italia alla faccia di chi si spezza la schiena al lavoro per 1000 euro al mese, di chi e costretto a fare centinaia di concorsi, di chi studia per poter occupare domani un posto ....

    per questi basta allargare le cosce un attimo e bum! guadagno assicurato.

    Na lavada e na sciugada e tutto torna come prima...

    e no signori miei! troppo comodo!

    RispondiElimina
  2. Ruby s'è adescata da sola, anzi ha pregato per esserlo. Ha fatto una libera scelta accettare gli inviti di sti 3 maialoni. A 16 anni lo sai benissimo quello che fai, sopratutto se ne dimostri 25. Le 33 giovani e belle ragazze per fare il bunga bunga ed oltre, sapevano dove andavano e perchè. Tutte disposte ad andare oltre la cena. Anzi, siccome c'erano dei grossi extra, si scannavano, litigando tra loro per essere la prescelt. Signor Procuratore, lasci perdere queste escort (altro nome per dire prostituta) si occupi di cose molto ma molto più importanti e lasci stare queste scemenze, a meno che, Lei non voglia diventare un altro Di Pietro, ripercorrendone le orme: diventando quello che è lui oggi un incazzato giustizialista, un Robespierre uno che è solo per il TAGLIONE...

    RispondiElimina
  3. hai perfettamente ragione
    le loro facce non esprimono nient'altro ... sapendo le accuse, spero proprio che ci vadano

    buon weekend ^________^

    RispondiElimina
  4. @pupottina

    Come dice giustamente il Cavaliere sono tutte falsità inventate per gettare fango su di un imprenditore che si è fatto da se (come lo sappiamo), un valente giornalista che fa della sua obbiettività il tg più falso di tutte le televisioni, con un imprenditore dello spettacolo con un solido passato di domestico e autista (solito prenderlo e darlo nel di dietro) che lo qualifica al livello degli ambasciatori e capi di stato ricevuti ad Arcore. Le accuse sono manifestamente false e ben costruite dalla magistratura rossa che ha intercettato le "bellissime ospiti" del Cavaliere, estrapolando dal contesto della telefonata intercettata, solo brani compromettenti che probabilmente riguardavano dotte dissertazioni sulle tematiche della vita.
    Salvate la Minetti, sicuramente ci farà fare una bella figura all'estero, comportandosi magari con Obama, come la contessa di Castiglione con Napoleone III (per chi non lo sapesse guardi Wilkypedia).
    Come si può vedere, tanto rumore per nulla.

    RispondiElimina
  5. Il punto e' che la magistratura non ha il compito di moralizzare la Nazione rendendo meno froci gli "uomini di spettacolo" e meno zoccole le donne.
    Non ha nemmeno il compito di decidere chi si merita o non si merita di occupare cariche pubbliche.

    La magistratura ha il compito di applicare la Legge. E in questo caso il problema diventa la discrezionalita', sia nella interpretazione della Legge, sia nel momento un cui si selezionano i reati da perseguire o gli accusati da processare, invece che altri.

    Se invece discutiamo il livello dei "rappresentanti eletti" e degli "amministratori" (il governo non e' eletto ma incaricato), allora semplicemente dobbiamo chiederci che candidati esprime la Nazione e perche' i voti vanno in una direzione invece che un'altra.
    La mia opinione e' sempre che ogni Nazione si merita la leadership che si ritrova.

    RispondiElimina
  6. gentaglia autentica feccia a cui farebbe bene qualche giorno di carcere ...pare che il primo a conoscerla fosse il fido-Fede a quel noto concorso di bellezza; non gli parve vero di potere esibire merce fresca al suo viziosissimo padrone. Si tratta di gente priva di ogni senso dell'onore, infatti, appena scoperti si sono messi a giocare allo scaricabarile, mentendo e negando anche l'evidenza. La Minetti ha cambiato avvocato, chiaramente su ordine del solito capo, così si ritrova infognata in accuse severe, mentre l'avv. Pesce aveva cercato talune ammissioni pur di evitare le accuse più gravi; ma gli ordini sono ordini e quello odierno è : "negare, mentire, mentire e negare ancora, non solo le evidenze ma soprattutto le evidenze, insistendo sui magistrati comunisti.... sembra proprio che molti italiani ci credano ancora !". Gli ordini non si discutono e la Minetti non ha dimenticato la promessa di essere nominata Ministro degli esteri, così potrà internazionalizzare la sua vocazione. Lele Mora ha deciso di darsi alla politica, imitando Dell'Utri colui che dichiarando di fregarsene del Senato, rimane in politica solo per poter godere dei benefici giudiziari. Il fido-Fede ha già sistemato sua moglie al Senato, forselui aspira ad altro, facendo la cresta sui soldi regalati a Lele. Ma ci volevano proprio sti "magistrati comunisti" per rendersi conto di quale pasta fosse fatta certa gente?

    RispondiElimina
  7. Sono dei poveretti. Un po' di carcere non farebbe loro male.


    Un abbraccio e buona domenica!

    RispondiElimina
  8. Invece di scrivere un lungo e dotto commento, mi limitero' a citare una frase celebre:

    "chi e' senza peccato scagli la prima pietra":

    RispondiElimina
  9. @Lorenzo
    sono daccordo con te sulla "presunzione d'innocenza", ma se è vero e i giudici riescono a dimostrare una minima parte di quello che questi signori hanno detto nella intercettazioni telefoniche carpite a loro insaputa, non solo andranno incontro a qualche guaio ma metteranno nella peste il loro "benefattore", colui che era contento di circondarsi di siffatte "signorine" che forse pagava o ripagava con soldi dello "stato"... io aspetterei prima di lanciare pietre, già al lancio del duomo è seguita una campagna mediatica votata a santificarlo...

    oggi intanto LUI, una piccola preoccupazione c'è l'ha già col caso Mills, domani si vedrà... Io sono convinto che ormai il RE è nudo e tutti vogliono sculacciarlo...

    RispondiElimina
  10. Non so se e quanti processi si siano già conclusi nei confronti di codesto Mora Dario, in arte Lele; però, a prescindere dal dare o meno per buono quanto sostiene Fede, mi pare evidente che è costui il vero professionista di questa attività.
    Certo costui continuerà a sostenere che lui presenta ragazze e ragazzi per lo spettacolo, poi se loro fanno altro non è sua responsabilità, però dai, lo sa l'Universo cosa fa codesto Lele!

    RispondiElimina
  11. Comunque sia, essere puttana o puttaniere non è reato.

    Abbiamo problemi più seri che però non vogliamo affrontare perché ci obbligherebbe a metterci in discussione.

    RispondiElimina