19.3.14

Chieti - Berlusconi "interdetto"


Berlusconi al capolinea? La Corte di Cassazione ha definitivamente confermato ieri sera la pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici per due anni nei confronti di Silvio Berlusconi nel processo Mediaset. L'ex premier era già stato condannato con sentenza irrevocabile per frode fiscale alla pena principale di 4 anni di reclusione (tre coperti da indulto). In particolare i Supremi giudici della Terza sezione penale hanno dichiarato «irrilevanti» le questioni di incostituzionalità delle norme tributarie sollevate dalla difesa di Berlusconi e hanno «rigettato» nel resto il ricorso contro la sentenza emessa dalla Corte d'appello di Milano il 19 ottobre 2013. Quel verdetto aveva ridotto a 2 anni l'originaria interdizione dai pubblici uffici pari a 5 anni.

nonnoenio

21 commenti:

  1. un grave colpo per la democrazia del paese dei piccoli mafioncelli beneficiati dal condono prima confessionale e poi eucaristico, ci saranno ampie ripercussioni sui morti di fame.
    Non si mettono in galera i ricchi, cribbio! si rompono quei taciti accordi che da sempre regolano lo scorrere sereno della vita nei bobboli latini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedi caro amico, il boss di Fi è secondo me al capolinea perchè anche l`Europa ha già comunicato a tutti, a scanso di equivoci, tramite la commissione, che Berlusconi alle europee non è candidabile. Questo significa che Berlusconi in Europa non lo vuole più nessuno. È così difficile in Italia capirlo? È già un miracolo solo italiano, che questo personaggio riceva ancora oggi milioni di voti,a sentir lui e i suoi seguaci; all`estero questo fatto viene registrato come "incomprensibile". Io rispetto i suoi votanti, anche se faccio una fatica tremenda a capirli. L`Italia è un sì un paese democratico dove ognuno è libero di votare chi vuole, ma dare le sue preferenze ad un pregiudicato, ne corre parecchio.

      Elimina
    2. cavaliere o non cavaliere ci dovrà pur essere una forza nel parlamento dell’immaginifico che rappresenti gli interessi dei mfosi, non dimentichimoci che nel nostro paese i mfosi danno lavoro ad un buon 10% di cittadini e sono molto apprezzati perchè in genere meno esosi dei loro concorrenti legalizzati
      Quello che non mi spiego è come mai poi ci sono anche i cerebrolesi, quelli che stanno aspettando fiduciosi il rimborso dell’imu od il ponte sullo stretto, ma questa è un’altra storia, qui si tratta proprio di affezione, innamoramento

      Elimina
    3. Suvvia, non fate i bimbetti.
      Una persona normale dovrebbe chiedersi come funzionano certi meccanismi per cui un reato in teoria deve essere perseguito sempre e comunque d'ufficio con un automatismo ma nei fatti viene perseguito nei tempi e nei modi a discrezione prima dell'inquirente e poi del giudicante.

      Quindi una certa persona può diventare ricco sfondato, candidarsi, essere eletto, governare per molti anni e ad un certo punto viene condannato e bandito da ogni consesso. Mi viene in mente il caso classico dell'abuso edilizio che viene rilevato trenta o quaranta anni dopo la costruzione e la vendita dell'immobile.

      Senza contare poi la commistione tra la giustizia amministrata nei tribunali e quella amministrata negli "organi di informazione".

      O il fatto che certi procedimenti vengono occultati e finiscono tranquillamente per essere annullati da intervenuta prescrizione e altri vengono invece urlati ogni giorno e procedono per direttissima.

      Oppure che certi reati conducono una persona in carcere, anche preventivo, mentre altri, pur molto più gravi come può essere una truffa contro un omicidio, vengono puniti con severità in proporzione molto minore.

      Nello specifico, bisognerebbe indagare quante persone risultano "evasori fiscali" alla Agenzia delle Entrate e quanti risultano frequentare prostitute, poi bisognerebbe verificare quanti di questi vengono processati ed interdetti.

      Elimina
    4. In attesa che tu ci possa illuminare, fornendoci le statistiche su processi e interdetti che noi comuni mortali non conosciamo...

      bimbetto, solo per notizia, guarda che il tuo cavaliere è stato condannato per frode fiscale e non per evasione fiscale. Studia il codice penale e vedrai che se per la prima è prevista la galera, per la seconda (anche grazie a certe leggine del tuo cavaliere, no)

      Sempre molto spassoso!! 30 righe di commento per non dire nulla! Come l'ex Cav!!

      Elimina
    5. Non è che il commento non dica nulla, è che tu non lo capisci.

      Il "cavaliere" in quanto tale non è "mio", infatti non l'ho nominato io "cavaliere". Una delle cose che ho scritto sopra è che la persona in questione ha aspettato di avere 78 anni prima di essere condannato in uno delle decine di processi che lo vedono imputato. Nel frattempo, oltre la nomina a "cavaliere", ha potuto fare e disfare, creare imperi immobiliari, mediatici, assicurativi, pubblicitari, finanziari, ha potuto creare un partito ex novo e riempirlo di amici e amici degli amici, si è fatto votare, ha ottenuto la maggioranza in parlamento, ha potuto "fare le leggi" e ha anche governato l'Italia a più riprese come Presidente del Consiglio.

      Quindi, visto che per certi mentecatti il "cavaliere" è un mix tra hitler e il demonio, delle due l'una, o la Magistratura è stata connivente per mezzo secolo e adesso per qualche motivo ha avuto un rigurgito di coscienza oppure la Magistratura si è mossa solo quando sono arrivati ordini dall'alto, venuti meno certi accordi o intervenuti nel frattempo certi cambiamenti.

      Più in generale, qui non si parla del fatto innegabile che la Giustizia italiana sia inefficiente, quello si misura semplicemente nella durata incostituzionale dei processi e nel ridicolo ammontare degli arretrati, nonché nel numero di intervenute prescrizioni. Invece si parla di una cosa più grave e cioè che la Magistratura non è ne "indipendente" ne "terza" rispetto ai reati che persegue e alle modalità con cui li persegue. Questo problema, considerato che i magistrati sono persone normali, deriva semplicemente dal fatto che la Magistratura è completamente auto-referente, cioè risponde solo a se stessa.

      Elimina
    6. Tradotto per le menti semplici: nessuno (tranne gli organi interni alla Magistratura stessa) può questionare sul perché si indaga su tizio invece che su caio oppure sul perché un certo processo va avanti spedito e un altro giace immobile, nessuno può andare a questionare su come lavorano le Procure, come vengono assegnati indagini e processi, come si comportano i magistrati.

      I magistrati raggiungono la santità in vita e senza processo di canonizzazione, gli basta superare il concorso (e anche qui, inutile disquisire su come si fanno i concorsi).

      Elimina
  2. Fuori dai giochi? Ma va'. Finché non crepa continuerà a trovare il modo (con la connivenza di coloro che a parole si dichiarano contrari a lui) di riciclarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedi Mewrus, una domanda sorge spontanea: " ora che faranno tutti i suoi lacchè?" Poverini... un pensiero commosso và alla santa - de chè, a Brunetta, alla Belfiore, alla Carfagna, alla Prestagiacomo.....e ovviamente a tutti gli italiani che l'hanno votato....

      Elimina
    2. Infatti: saranno loro in prima linea a trovare il sistema per tenerlo a galla. Senza di lui sono (per citare il bondi) "delle rape" - per non parlare del fatto che lo sono a prescindere. Ma non dimentichiamoci che il Bomba è il suo sostenitore più fervente al momento attuale.

      Elimina
  3. non a caso i Padri Costituenti vollero l'immunità parlamentare... senza entrare nel merito delle accuse, tanto la giustizia in Italia è strabica a cominciare da Mani Pulite, che agì verso una sola parte politica roba che in altri tempi si sarebbe chiamata Santa Inquisizione, ma si può permettere che si abbattano leader politici invece che nelle urne a colpi di carte bollate? Questa se la potevano risparmiare, anche perché nemmeno ci fanno votare più

    RispondiElimina
  4. In europa lo volevano finché tornava comodo averlo come idiota utile. Adesso che ha perso l'utilità ed è idiota e basta, gli sbattono - giustamente - le porte in faccia. Questo dovrebbe spingerlo a chiedersi davvero che ruolo ha avuto finora in europa; anche un idiota completo dovrebbe rendersi conto di quando viene allegramente usato e farsi da parte per comunicare che non si presta più a quei giochetti.

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. voleranno anche, ma nessuno è eterno e gli italiani fanno presto a dimenticare e tifare per un altro padrone !

      Elimina
  6. Risposte
    1. quì, siamo almeno in due, gli altri cifaranno forse sapere

      Elimina
  7. La storia ormai è infinita. Non ci sono dubbi sul fatto che la giustizia italiana sia tra le più garantiste del mondo. Tre gradi di giudizio per confermare o meno la colpevolezza di un soggetto sono più che sufficienti, ma non per Lui. Allora, ci sono i ricorsi alla corte di giustizia europea, in Italia le sue campane stonate, le sue televisioni, i suoi giornali, una potenza di fuoco incredibile per un paese democratico. Mi chiedo se sia mai possibile in un'altra nazione, che un cittadino nell'esercizio delle sue funzioni pubbliche, possa ingannare lo Stato e la Società italiana sottraendosi al fisco con la frode e poi pretendere di continuare a fare politica. La pena per questo signore non dovrebbe essere di due anni, ma l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Il reato di cui si è macchiato Berlusconi è un reato plurimo perché ha leso gli interessi di milioni di italiani che hanno dovuto pagare anche le tasse che lui ha evaso e in più si è fatta una minorenne, ingannando, falsificando le testimonianze credendo di essere al di sopra di tutto e tutti, un padreterno insomma... speriamo solo che il 10 di aprile i giudici ce lo tolano definitivamente dai piedi... non se ne può più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "... e poi pretendere di continuare a fare politica."
      In Italia c'è gente condannata per omicidio che guida movimenti politici, oppure che scrive sui giornali come ideologo.

      Elimina
  8. Ciao Enio, c'è un dono da ritirare per te da me, se ti fa piacere vieni a prenderlo. Baci.

    P.S. tornerò per commentare.

    RispondiElimina
  9. Ho letto, e considerato i danni psicologici di tutto ciò che è avvenuto grazie a lui, credo che mi farò risarcire di tutti i danni subiti! Che ne dici se lo facciamo tutti. Abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Al capolinea ci arriverà solamente quando sorella morte se lo porterà via, finalmente. Nel frattempo, possiamo star certi che lui ed i suoi tirapiedi, oggi sparsi tra partiti e partitini, continueranno a fare danni e che al momento opportuno, grazie alla nuova legge elettorale di Renzie, commissionata dal pregiudicato, troveranno la compattezza necessaria per vincere le elezioni. Compattezza che manca nel centrosinistra.

    Però, per quanto mi riguarda, di una cosa posso essere contento: oggi il pregiudicato è un perfetto nessuno e lo è perché ciò che per anni affermavo dello stesso, era fondato.

    Che poi ci sia una parte del Paese che ancora lo difende, che ciancia di magistratura politicizzata ed a senso unico, che nonostante tutto lo voterebbe, che confonde frode con evasione... fa nulla! Non è un caso se siamo oramai considerati una repubblica delle banane!

    Ciao Enio, buona giornata

    RispondiElimina