17.9.14

Chieti - Povera Veronica

  
Povera Veronica. Adesso per la "poveretta" sarà dura arrivare a fine mese. La Corte d'Appello di Milano ha rivisto la cifra percepita per tre anni da Veronica Lario riducendo l'assegno che Silvio Berlusconi le ha corrisposto, nell'ambito della separazione, da tre a due milioni al mese. Lo riporta il Corriere della Sera. La Corte (questa volta pare non composta da "toghe rosse") ha dunque ordinato alla Lario di rinunciare a 36 dei 108 milioni che l'ex marito le aveva intanto dovuto versare per l'anno in corso. Lei ricorrerà naturalmente in appello e nel frattempo dovrà accontentarsi di "pochi" spiccioli.


18 commenti:

  1. poverino... Berlusconi oltre ad essere vittima mediatica, è anche vittima della sua ex moglie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luca ci dice che Berlusconi è vittima mediatica, vittima della ex moglie. Aspettiamo allora di vedere le stimmate, io lo proporrei addirittura per la santità.

      Elimina
  2. Poverini.
    Poveretti.
    Poveracci.
    Lei coi suoi 3 milioni al mese ridotti a 2, lui "vittima" della ex moglie.
    Se lei non riesce a vivere con 2 milioni al mese, be', che ci provi con mille euro, lei che guarda i proletari dall'alto.
    Quanto a lui, visto che i giudici continuano da vent'anni a lasciargliele passare tutte, a prescrivergli processi ed assolverlo in altri, a ridurgli le pene, almeno ammetta che sono dalla sua parte e la pianti lì di vituperarli!
    Ma perché al mondo gli stronzi sono sempre troppo pieni di soldi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece uno che è andato in pensione a 45 anni e adesso la sta facendo pagare agli altri, non è uno stronzo.

      Elimina
    2. Sei fuori contesto, come al tuo solito, Lorenzo. Si parlava di QUEI DUE, non di raddrizzare in una botta unica tutte le storture dell'Italia; per quello @enio ha già scritto altri post.

      Elimina
    3. l'unico, negli ultimi giorni che ha preso una "barca" di milioni per non lavorare più è Montezemolo. Pare che un uomo, per prendere una liquidazione del genere dovrebbe lavorare 950 anni e mangiare pure poco...

      Elimina
    4. Il contesto lo decido io.

      Elimina
    5. @Lorenzo
      Spiacente: lo decide il proprietario del blog, col contenuto del post. Invece di postare commenti ad muzzum completamente slegati dal citato contenuto, leggiti bene il post e cerca di fornire commenti mirati.

      Elimina
    6. Se dovessi "fornire commenti mirati" al tuo livello intellettivo dovrei postare le foto dei gattini inframmezzate da qualche bandiera rossa.

      Non ho voglia di spiegare, chi ci arriva bene, gli altri, te compreso, si fottono. Quindi decido io.

      Il titolare del blog può cancellare i commenti che non gli vanno.

      Elimina
    7. Il tuo livello intellettivo è chiaramente definito dalla seconda frase del tuo ultimo commento. E dato che non sei in grado di centrare un argomento, farai meglio a mettere in pratica il tuo stesso suggerimento. A scuola (sempre che tu l'abbia frequentata) non ti appioppavano un sonoro 4 quando andavi fuori tema? Ai MIEI tempi si usava.

      Elimina
  3. ò tutta robba bbona ed adatta
    alla cervice
    dell'immaginifico
    bobbolo
    thajtano
    che paga tutto con gran soddisfazione

    RispondiElimina
  4. sono preoccupatissima per l'una e per l'altro (anche perché tra un po' ci pensa la Pascalina a rimettergli a posto i conti..)

    RispondiElimina
  5. Finirà ai servizi sociali comunali a chiedere il minimo vitale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... tra i soldi che gli sono costate le olgettine e relativi bunga bunga e quello che gli costerà ora la moglie, non c'è che dire, è un bel salasso anche per lui. Tanto va la gatta al lardo ....
      Se fossi nei panni dei suoi figli, lo farei interdire. Prima o poi li lascia sul lastrico!

      Elimina
    2. Considerato che i suoi figli vivono da milionari grazie a lui, direi che la tua visione delle cose è come ribaltata.

      La letteratura è piena di conti finiti sul lastrico dopo una vita di gioco d'azzardo, lussi sfrenati e ballerine di varietà, eppure quelli sono simpatici "viveur", il signor B invece è il nemico pubblico.

      Sono sicuro che Califano non ti darebbe ragione.

      Elimina
  6. Forse era una coppia dove l'una era degna dell'altro quanto a delirio di potenza.

    RispondiElimina