12.3.15

Chieti - Primavera in arrivo, tornano le allergie


La primavera si avvicina e con essa il temuto inizio delle reazioni allergiche. Al momento hanno già iniziato la fioritura ontano, nocciolo e cipressi, mentre sono in arrivo i pollini particolarmente aggressivi di betulla e carpino nero. Nei soggetti sensibili le più precoci reazioni allergiche sono già iniziate. I pollini invernali di nocciolo (Corylus avellana), ontano (Alnus sp.) e Cupressacee, infatti, a inizio gennaio hanno ripreso la diffusione e in queste prime settimane di marzo si sta andando verso la loro piena fioritura. Le concentrazioni polliniche rilevate nelle scorse ore sono piuttosto elevate e tenderanno ad aumentare con il passare dei giorni. Per ontano e nocciolo il picco massimo di emissione è previsto per questa settimana, mentre per le Cupressacee/Taxacee, che comprendono cipresso, tuja e tasso, le fioriture si susseguono per arrivare all’apice di concentrazione generalmente verso metà marzo. Seguiranno a ruota altre piante arboree, come betulla e carpino nero, con pollini molto aggressivi. Le temute erbacee, tra le quali si annoverano le ben note graminacee, sono invece attese solo a primavera inoltrata.

@enio

8 commenti:

  1. Per la miseria. E come ci possiamo salvare? Indossando forse tute mimetiche con tanto di cappelloni come quelli per chi si occupa di alveari?

    RispondiElimina
  2. Meglio questo che un tumore....

    RispondiElimina
  3. a me è mortale solo il platano, tra un po' dovrò evitare le strade dove qualche deficiente li ha piantati, quando ancora le allergie non esistevano, però il comune continua a piantarli, platani, pini, alberi che arrivano a più di 20 metri e quando (i pini) si schiantano magari te fanno secco il solito sfigato di turno tra le lagrime degli ambientalisti

    RispondiElimina
  4. Eccome me ne sono accorto. Ho già iniziato col Ventolin e pastiglie di antistaminici.

    RispondiElimina
  5. E' una vera tragedia quella delle allergie. Non puoi goderti la primavera, il bel tempo, il cielo terso. Io ne sono immune, ma ho una nipote che ne soffre, ed è davvero molto fastidioso.

    RispondiElimina
  6. Se può essere utile...
    http://lucascialo.blogspot.it/2015/03/come-prevenire-e-curare-allergia-ai.html

    RispondiElimina
  7. Quando lavoravo nella zona archeologica, ad aprile venivo stordita dai pioppi.

    RispondiElimina
  8. certo meglio un'allergia di un tumore come dice Redcats,
    ma il fatto che mi fa imbestialire è che sono in aumento sia le une che gli altri, perfino nei bambini!! e tutto questo non può essere opera del 'caso'......

    RispondiElimina