30.1.16

Chieti - PASTA CON PUNTARELLE

La cicoria catalogna o cicoria asparago è un ortaggio dalle foglie strette e dentellate. I germogli, dal tipico sapore amarognolo che si trovano all’interno del mazzo, come cimette di fiori verde, sono noti come puntarelle ed assomigliano all’asparago. Le puntarelle sono apprezzate per il loro sapore gradevole e per la tenera consistenza. Possono essere mangiate Lessate e condite con olio e limone. Saltate in padella con olio aglio e peperoncino. Crude al Pinzimonio (una salsina composta da una miscela di olio, sale, pepe).  In insalata.


Tutte le cicorie sono apprezzate per le loro virtù mediche, non solo gastronomiche, grazie ai principi aromatici. Le puntarelle stimolano il lavoro della bile e favoriscono la digestione. Infatti il medico greco Galeno la consigliava contro le malattie del fegato. Le puntarelle sono ricche di fibre e sali minerali (calcio, ferro e fosforo). In Germania nel 1976, a seguito della crescita del prezzo di importazione del caffè, ci fu la "crisi del caffè" e la radice della pianta tostata divenne un ottimo rimedio. Ho realizzato questa ricetta con le mie modifiche. PREPARAZIONE - Tempi di preparazione: 15 Minuti - Tempi di cottura: 20 Minuti - Pronto in: 35 Minuti - Difficoltà: Facile
INGREDIENTI per quattro persone: 300 gr di puntarelle, 350 gr di pasta Cavatappi n 87 della DE CECCO o altro formato. 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva. Uno spicchio di aglio. Peperoncino. Sale e pepe. Pecorino


PROCEDIMENTO: Staccare le foglie lunghe che si lesseranno. Togliere i germogli e si deve notare il foro che dimostra che il suo interno è cavo. Lavare e tagliare a listarelle. In una padella antiaderente con coperchio, versare l’olio, il peperoncino, l’aglio e farli dorare. Aggiungere le puntarelle e farle appassire nell’olio, quindi aggiungere mezzo bicchiere di acqua e coprire. Cuocere a fuoco basso per una ventina di minuti. Intanto cuocere la pasta secondo il tempo di cottura indicato e scolarla. Versarla nella padella e saltarla con il preparato per due minuti. Mettere la pasta nei piatti e cospargere con il pecorino e pepe nero.
 
E’ obbligatorio il vino Montepulciano rosso d’Abruzzo.


Luciano Pellegrini  agnpell@libero.it

5 commenti:

  1. auguro a tutti quelli che volessero assaggiare questo piatto tipico: buon appetito

    RispondiElimina
  2. Accipicchia!sono irresistibili!

    RispondiElimina
  3. Buone le puntarelle. Io però non le avevo mai utilizzate per condire la pasta! Ottima idea, qui si trovano anche solo le puntarelle senza foglie, proprio come gli asparagi, lunedì faccio la spesa e le compero. Voglio provarle con la pasta.

    RispondiElimina
  4. ciao grazie per la visita al mio blog, che ricambio volentieri!!!!! mi sembra un ottima ricetta da fare certamente, grazie! Un abbraccio Lory

    RispondiElimina