20.10.16

Chieti - Cosa sta succedendo in Italia ?


20 ottobre2016, giovedì, sono quì a Monza per festeggiare i 42 anni di mia figlia e ho scoperto che anche quì ci sono i profughi. Si profughi quelli che trasportano su in pulman, belli e sistemati in case nuove, dei bilocali, in via Asiago 8 a Monza, dove oggi sono proprio i residenti a sentirsi ospiti. Fra gli inquilini di questo palazzo c’è chi ha persino deciso (temporaneamente) di tornare a dormire a casa dei genitori. Nell’edificio color pastello di via Asiago 8/d a Monza, dotato di tutti i confort delle costruzioni moderne di classe A, dai panelli solari alle vasche per la raccolta dell’acqua piovana, i residenti sono arrabbiati con la Prefettura. Fra novembre e dicembre dello scorso anno, 13 appartamenti di 70 metri quadrati invenduti sono stati utilizzati per alloggiare (o stipare, come dicono i residenti) 126 profughi. E da allora, lamentano, “la vita è diventata impossibile”. L’edificio, in totale una quarantina di alloggi, è al confine con Cinisello Balsamo,  stretto fra la tangenziale Nord e l’ultimo tratto della trafficatissima via Borgazzi, ma comunque dotato di un ampio giardino con alberi e di box sotterranei. Insomma, è un bel posto, verde e tranquillo. Ci vivono 12 famiglie, per lo più giovani coppie con figli piccoli, per un totale di 34 persone. Lo squilibrio fra residenti e profughi e fin troppo evidente e sta creando più di un malumore. “Stiamo pagando mutui salatissimi – hanno spiegato i residenti -, ma grazie alla scelta della Prefettura l’immobile si sta deprezzando velocemente. Questa gente bivacca tutto il giorno in giardino, la sera fa casino a fino a tardi, sporca le parti comuni e come se non bastasse ogni tanto fa anche a botte. Noi siamo una trentina di persone, loro quasi 130”. La convivenza è diventata impossibile. Questo credo, continuando le cose così come sono adesso, sarà quello che accadrà nel resto d'Italia.

@enio

10 commenti:

  1. èh purtroppo a noi mortidefame toccherà abituasse e queste novità, d'altronde l'immaginifico bobbolo thajathano figlia molto poco e quarcuno dovrà pur provvedere a pulire er culo ai ricchi caporioni de questa nazione.
    L'unica cosa è adeguasse ar bobbolo e giocà ar superenalotto sperando de passà puro noi dalla parte giusta

    RispondiElimina
  2. speriamo solo di poter essere ancora liberi cittadini sul suolo italiano musumalmizzato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ne sarei così sicuro.Torna l'allarme banlieue in tutta la Francia. L'integrazione non c'è stata e il fallimento del multiculturalismo si rivolta contro chi accoglie. Lunedì scorso a Argenteuil, in Val-d'Oise, un professore è stato aggredito da due ragazzotti musulmani. "Allah è il solo maestro", gli hanno urlato in faccia prima di spingerlo e a terra e tempestarlo di pugni e calci. Lo hanno pestato a sangue unicamente perché in classe aveva ripreso alcuni studenti che facevano rumore e non seguivano la lezione.Se tanto mi da tanto, quando saranno più di noi queste cose capiteranno tutti i giorni...

      Elimina
  3. Prima o poi, qualcuno reagira'. Sarà uno pelato, uno coi baffetti, non importa. Tutto ha un limite. Anche la nostra decadente società,drogata da facebook, che vive di smartphone invece di leggere libri. Come se non bastasse, abbiamo un Papa che più da Papa si comporta come un imam..... Tutto ciò fa si che la reazione sarà più violenta e traumatica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo,l'Ignoranza è peggio del Rafreddore,si è propagata in tutto il Mondo e non si può combattere!!!Solo eliminando le Religioni,si otterrebbero Buoni Risultati!!!Ma come si fa???Bisognerebbe usare il Cervello,organo che,purtroppo,moltissimi non usano,perchè credono che sia un Optional,o solo per paura di rovinarlo!!!Per vivere bene,ci dovrebbe essere una sola Religione:la Ragione!!!!Allora si che si eviterebbero le Guerre e tuute le Violenze Quotidiane che si leggono!!!E pensare che il Cervello,nasce con noi!!!Usiamolo!!

      Elimina
  4. Grazie a questo governo inetto, che non ha fatto nulla e non fa nulla per arginare questa mostruosa invasione, che considera gli italiani cittadini di serie B rispetto agli immigrati, è' scoppiata l'ennesima guerra fra poveri. Grazie Renzi.

    RispondiElimina
  5. Non ho parole per quanto sta succedendo, è davvero inammissibile tutto questo da parte d'un governo che sembra prendere decisioni a sfavore degli italiani....
    Un caro saluto, enio,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla supercazzola in perfetto stile Amici Miei a “Totò Truffa ’62″, dove il principe De Curtis si rese protagonista di una delle truffe più famose del mondo del cinema. Da qualche giorno a questa parte in Consiglio comunale le metafore prese a prestito dalla commedia italiana stanno facendo furore. Il tema di discussione è lo stesso della settimana passata: la questione profughi di via Asiago, che sta mettendo in seria difficoltà la giunta di centro sinistra guidata da Roberto Scanagatti. Il nocciolo della questione è dove alloggiare quei circa cento ragazzi immigrati che da un anno stanno rendendo parecchio complicata la vita alle famiglie residenti. La proposta avanzata dall’amministrazione è stata di utilizzare il vecchio ospedale di via Solferino, fino a un anno fa parzialmente occupato dall’Università Biccocca di Milano, ma adesso abbandonato e messo in vendita. L’idea, tuttavia, ha scalato un putiferio, anche in Consiglio comunale, dove il consigliere della Lega, Alberto Mariani, ha puntato l’indice contro il primo cittadino accusandolo di volere fare come Totò nel celeberrimo film girato con Nino Taranto, dove vendette la fontana di Trevi a un credulone turista americano. “Il sindaco se ne lava le mani e scarica tutto su Regione Lombardia avanzato l’ipotesi di usare il vecchio ospedale – ha spiegato l’esponente del Carroccio Mariani -, ma il sindaco sa molto bene che questo immobile è in vendita e che è stata aperta asta. Non faccia come Totò che vendette la fontana di Trevi
      senza esserne il proprietario”. Una settimana fa era toccato al consigliere di Forza Italia, Martina Sassoli. Di fronte a una frase ambigua del sindaco sempre in relazione alla questione profughi, aveva sbottati così: “Ma signor sindaco, mi sta fecondo una supercazzola?”. (Leggi qui) A questo punto una cosa appare chiara: al di là del credo politico o della conoscenza della macchina amministrativa, i consiglieri comunali stanno facendo sfoggio di una cultura cinematografica da fare invidia al Morandini.

      Elimina
  6. Sono senza parole quando sento tutti i giorni il numero d'immigrati che arrivano, non ce la possiamo fare ma chi aiuta gli anziani notizia d'oggi del censis - 12% spesa alimentare, i poveri ci sono anche da noi.
    Spiace dirlo ma non ce possiamo fare ad ospitare e pagare per tutti, dobbiamo accettarlo e prendere delle misure restrittive

    RispondiElimina
  7. Questo post lo archiviamo alla voce "meglio tardissimo che mai".

    Gli Italiani sono un popolo di cialtroni, falsi, ipocriti e senza onore. Gli immigrati sono tanto belli e bravi, l'accoglienza un dovere, bla bla, fino a che l'Italiano non si trova gli immigrati sul pianerottolo, allora insorge.

    Come dimostra la vicenda dei capoccia della "sinistra" con le ville a Capalbio.

    RispondiElimina