4.1.10

Lodo De Magistris


De Magistris, dal suo blog, spega il suo lodo agli italiani, proponendo un bel lasciapassare per l'estero all'attuale Presidente del Consiglio. E si, un modo per risolvere definitivamente i problemi giudiziari del Cavaliere ci sarebbe? Luigi De Magistris, ex Pm ed ora eurodeputato dell'IDV, propone un suo particolare lodo: dare un lasciapassare a Berlusconi per emigrare. Per lanciare la provocazione, il parlamentare dipietrista dice: «Garantiamo a Berlusconi la possibilità di lasciare l'Italia senza conseguenze. Non c'è trucco e non c'è inganno, ma solo il bisogno di ritornare ad essere una nazione democratica e civile. Diamogli un volo di Stato con annesso Apicella e magari una graziosa signorina. Destinazione? Consigliamo le isole Cayman...» scrivendolo nel suo blog. Nel centrosinistra la «soluzione» non viene presa neppure in considerazione. ma si sà, quelli di decisioni ultimamente ne hanno prese pochissime... La maggioranza reagisce con sdegno. Sandro Bondi definisce di una «gravità inaudita» le parole dell'ex magistrato e si chiede perché il PD non provi «imbarazzo» e «vergogna». Io, invece, mi convinco sempre più che l'IDV esiste come esiste il PD perchè c'è un tal Berluscni in Italia. Questi signori, se continuano a farsi gli autogol, non torneranno a governare neanche fra 50 anni! Invece di combattere l'"usurpatore" in Parlamento (sede solitamente deputata per simili discussioni ) continuano sulla stessa linea di sempre, la lite con il Premier a tutti i costi, nonostante il capo dello stato abbia "saggiamente" consigliato alle parti di fare le riforme, che sono poi quelle che interessano dipiù agli italiani.


10 commenti:

  1. Di quali riforme perliamo? Di quelle che per garantire l'impunità del premier sfasciano lo Stato?
    Allora ha ragione De Magistris.

    RispondiElimina
  2. Come non dar ragione al ministro Bondi quando afferma che per il PD il vero problema è l’alleanza con Di Pietro? Il leader dell’Italia dei Valori attacca Napolitano per ostacolare o impedire il confronto sulle riforme.

    MAX

    RispondiElimina
  3. Altro che riforme: 1.200 Euro di stipendio e non si riesce ad arrivare a fine mese!!! Loro invece si fanno leggi ad personam (scudo fiscale) e festeggiano continuamente: cene ad Arcore,in attesa che il cavaliere guarisca, vacanze a villa Certosa ecc. ecc. Vorrei sapere cosa ci fanno i moralisti leghisti in questo governo: Roma ladrona gridavano alcuni anni orsono. Ora è peggio di prima, ma i leghisti non gridano più! Bravi, davvero bravi!!

    RispondiElimina
  4. "Come non dar ragione al ministro Bondi [...]?"

    Non dandogliela. Perché dice sempre cazzate. SOLO cazzate.

    Se questo vi pare poco democratico, ehi, il premier è Berlusconi!

    RispondiElimina
  5. io credo che si dovrebbe iniziare a parlare di lavoro e non di riforme, solo che al governo non conviene perchè idee e volontà per risolvere il problema stanno a zero!
    un saluto

    RispondiElimina
  6. Il motivo per cui tutta la sinistra ormai consiste in Dipietro ed accoliti del movimento "eliminiamo Berlusconi fisicamente" e' che non hanno niente altro da dire.

    Ad esempio, si parla di "precari", essendo sempre stato un "precario" io stesso, mi piacerebbe sentire cosa propone concretamente la sinistra, annessi sindacati che ormai tutelano solo la confindustria e i pensionati.

    In generale mi piacerebbe sentire qualche proposta concreta so un argomento qualsiasi che vada al dila' del programma di Prodi che era basato su concetti tipo "figa per tutti".

    Se poi andiamo a fondo della questione, come ho gia' scritto altrove, il problema dei problemi e' che venuto a mancare il presupposto della lotta di classe, con tutti i corollari, la sinistra ormai non solo si trova con un bagarlio ideologico scollegato dalla realta' e senza gli strumenti per capire.

    Quindi e' impotente. L'impotenza genera frustrazione ed ecco che l'unica cosa che rimane e' buttarla in rissa e nei discorsi vagamente anni '70 di lotte armate varie. Non a caso i registi "impegnati" girano film su queli anni proprio adesso.

    RispondiElimina
  7. già.. cosa significa "riforme"?
    per esempio stigmatizzare che siccome una formazione è stata eletta può stravolgere ogni legge senza seccature da parte dell'opposizione?
    purtroppo è vero che nell'opposizione tutte le carte sono giocate male, ma io credo che in buona parte questo sia dovuto al fatto che il linguaggio su cui oggi si gioca la politica (che grazie a B. si è ristretto esclusivamente a quello pubblicitario), sia cinese per loro, mentre la destra non esiste più - a "destra" c'è il gotha della scienza pubblicitaria e del marketing.

    RispondiElimina
  8. Quindi se la "sinistra" non ha un tubo da dire, si scanna in lotte di potere interne o e' incapace di fare qualsiasi cosa concreta alla fine la colpa e' di mr. B?

    Dai, ormai siamo alle comiche...

    RispondiElimina
  9. Certo. E' tutto sempre colpa di Berlusconi. Perché tutto il mondo ce l'ha con lui senza motivo.

    O almeno, questo è quello che ha detto Minzolini.

    RispondiElimina
  10. Un motivo c'e', anzi due.

    L'ovvia antipatia che genera il personaggio ricco sfondato e strabordante. Questa e' una cosa che mr. B apparentemente o non capisce oppure giudica secondaria rispetto ai consensi che gli vengono proprio dall'essere ricco sfondato e strabordante.

    La frustrazione che ho detto sopra, che obbliga la "sinsitra" inetta a cercare un oggetto-feticcio su cui focalizzare la propria rabbia che altrimenti non avrebbe sfogo. Viviamo in un epoca dove nessuno si assume delle responsabilita', lo studente e' ciuccio per colpa degli insegnanti, la pattumiera si accumola a Napoli per colpa dello Stato, piove governo ladro.

    RispondiElimina