5.10.10

Allentati i domiciliari

Erick Priebke, il 97enne ex capitano delle SS condannato all'ergastolo per l'eccidio delle Fosse Ardeatine, è libero di andare in chiesa a pregare, in farmacia, dal medico, o al supermercato a fare la spesa. Il tribunale militare di sorveglianza lo ha infatti autorizzato ad assentarsi dalla casa romana del suo avvocato, dove si trova agli arresti da 15 anni, per il tempo "strettamente necessario" a provvedere alle sue "indispensabili esigenza di vita". "È stata solo applicata la legge: art. 284 del codice di procedura penale", spiega il suo avvocato Paolo Giachini. La concessione dei benefici (Priebke può anche fare telefonate e ricevere visite, sempre nei termini fissati dal giudice) risale a circa un anno fa, ma era rimasta riservata finora". Giachini ha deciso di renderla pubblica oggi, anche con un video su You Tube, "per evitare strumentalizzazioni". Ma già sa che le polemiche non mancheranno, come quelle che, nel giugno di tre anni fa, investirono la decisione del Tribunale di concedergli il permesso di lavorare all'esterno: il provvedimento venne prima sospeso dal giudice e poi annullato dalla Cassazione. "Non capisco tanto accanimento", afferma Giachini. "Ci sono criminali che hanno commesso delitti efferati che vengono messi fuori dopo uno o due anni e nessuno dice niente, ma se a Priebke viene concesso il permesso di andare a comprare due arance scoppia lo scandalo". Ma il cosiddetto 'boià delle Ardeatine', pur "soddisfatto" per i benefici ottenuti, ha un'altra doglianza: "la polizia non mi lascia mai solo. Non sono libero di andare da solo neppure in chiesa a pregare".. "Questo è dovuto alla necessità di tutelarne l'incolumità, per quanto nelle sue uscite non sia mai stato oggetto di offese o, peggio, azioni violente. Sotto l'abitazione di Giachini e di Priebke, nel quartiere Aurelio, c'è "un piantonamento 24 ore su 24. A questo, ora si aggiunge un costoso servizio di scorta legato ai suoi spostamenti . 
 
.

15 commenti:

  1. Dovrà pregare tanto ..e poi chissà...

    RispondiElimina
  2. l'unica è provare con la cruna di un ago...

    RispondiElimina
  3. Piccolo ingranaggio della Storia, ubbidi´agli ordini. Priebke ha cento anni, lo Stato Italiano deve capire che ormai non e´piu´una pena, ma una vergognosa vendetta. Priebke era un giovane Capitano, e quando il Partigiano Bentivegna mise l´esposivo che uccise trenta tedeschi disarmati... venne invitato a costituirsi, con messaggi radio e cartelli che tapezzavano tutta Roma. Sapeva che se non lo avesse fatto sarebbe scattata la legge della rappresaglia. Ma vigliaccamente si nascose. Condannando a morte trecento persone. Priebke obbedi´agli ordini, altrimenti sarebbe morto lui, era un ordine supremo di Hitler. Ha pagato a sufficenza.

    RispondiElimina
  4. Ordini o non ordini ( che poteva benissimo disattendere, perchè rimaneva un fatto di coscienza) per me rimane un personaggio losco. Da lasciare in carcere e buttare la chiave, altro che spendere soldi per la scorta e disperdere forze di polizia per seguire lui! Sgrunt!!!!

    RispondiElimina
  5. Mai allentare la presa su questi esseri inumani. Mai

    RispondiElimina
  6. Priebke non è un piccolo ingranaggio come vorrebbero i revisionisti giustificatori del nazi fascismo ma un responsabile al pari di altri.

    Finiamola di raccontare storielle sui criminali nazisti, erano e sono delle bestie e sarebbe stato decisamente meglio che fossero stati trattati di conseguenza subito invece di farli scappare in Argentina.

    Se fosse stato un piccolo ingranaggio, finita la guerra invece di darsela a gambe levate come altri vigliacchii nazi-fascisti avrebbe potuto costituirsi.

    Dare la colpa ai partigiani,poi, rappresenta il livello più alto di codardia e vigliaccheria.

    RispondiElimina
  7. per vie traverse ho scoperto questo post: mi fa piacere (se così si può dire) notarlo, soprattutto perché mette in evidenza il fatto che noi spendiamo per proteggere (in nome della democrazia) un colpevole di crimini contro l'umanità;
    i partigiani combatterono per liberarci dal nazismo - appoggiato dal fascismo - le cui rappresaglie è inaccettabile giustificare!

    RispondiElimina
  8. Ma perchè allora Faranda e Fioravanti sono liberi ?
    Grande cosa ! Andare dal medico, a messa e in farmacia.
    Ma questo signore deve pagare per tutti i mali del mondo ?
    Fioravanti e´libero, Adriana Faranda che uccise tre carabinieri si fece solo una decina di anni di galera. Poi come la Baraldini ebbe un lavoro statale. Priebke fu condannato solo perche´nel caos (con soldati ubriachi per vincere l´orrore) uccise tre persone in piu´. Era la legge marziale, la legge della rappresaglia in periodo di guerra. Altri tempi quindi.
    Il partigiano Bencivenga che vigliaccamente fece saltare in aria trenta vecchi territoriali altoatesini (Via rasella) non pago´, nulla...

    RispondiElimina
  9. Per gli italiani che hanno subito, dopo il tradimento di Badoglio, le rappresaglie dei tedeschi questi "signori" artefici di fucilazioni di rappresaglia al limite dell'assurdo sono e saranno sempre da condannare finchè vivono anche se hanno 100 anni

    RispondiElimina
  10. si lamenta anche di avere la scorta?
    incredibile, visto quello che rischia!
    pregare gli serve... anche se ... forse poteva pensarci prima ...

    buon mercoledì di pioggia (da me)
    ^____________^

    RispondiElimina
  11. ot per ot: cosa centra la Baraldini col fascismo? (se non per il trattamento che le hanno riservato in America!)

    RispondiElimina
  12. @angie

    Che abbia avuto un lavoro dallo stato è scritto su wikipedia
    Dall'aprile 2001, alla Baraldini vennero concessi gli arresti domiciliari, a causa delle sue condizioni di salute; dopo il suo rimpatrio, ha scelto il silenzio e non ha più rilasciato interviste ai media.

    Nel 2003 la Baraldini ottiene, non senza polemiche, una collaborazione con il Comune di Roma per occuparsi di un progetto di ricerca sull'occupazione femminile.

    Per effetto dell'indulto, Silvia Baraldini è stata infine scarcerata il 26 settembre 2006.

    RispondiElimina
  13. Altri sono riusciti a fuggire e non sono stati più ritrovati.
    In guerra si fanno cose di cui ci si pente subito dopo, anche se si è sempre liberi di scegliere.

    RispondiElimina
  14. Io vorrei sapere cosa prega...

    RispondiElimina
  15. @Sara

    Se prega vuol dire che crede e a 97 anni di età sà certamente che glie ne restano pochi allora lui prega per poter evitare la dannazione eterna.

    RispondiElimina