9.10.10

Eva Klotz - Possiamo fare a meno dell'Italia

Dopo Bossi con le sue esternazioni sulla Roma Ladrona e sul Sono Porci Questi Romani, poi rientrate o meglio finita con le sue scuse e una mangiata, su invito dell'offeso il sindaco Alemanno (er piccoletto co le palle).Una sceneggiata finita, come direbbero a Roma finita a tarallucci e vino ora si registrano le esternazioni separatiste di Eva Kloz, che alla testa dei suoi "bravi concittadini", prima fa mettere un cartello al confine, su un terreno privato, ben visibile a tutti quelli che entrano in Italia con la dicitura:  SUDTIROL IST NICHT ITALIEN , e che ora asserisce : "Possiamo fare a meno dell'Italia.": con questo slogan e oggi con un altro manifesto che riproduce una scopa che spazza via il tricolore, lasciando solo il bianco - rosso tirolese. SuedTiroler Freiheit, il movimento che fa capo ad Eva Klotz, lancia una nuova campagna anti-italiana.L'occasione è offerta dal novantesimo anniversario dell'annessione dell'Alto Adige all'Italia, avvenuta il 10 ottobre del 1920, "contro la volontà della popolazione", è stato spiegato dalla stessa Klotz e dall'altro consigliere provinciale di Stf, Sven Knol. La campagna vuole mettere in evidenza,che "una gran parte delle energie dell'Alto Adige devono essere impiegate per mettere a posto i problemi creati dall'Italia". La critica, però, tengono a precisare i due esponenti di Stf, "non è rivolta agli italiani, ma allo Stato italiano: le persone non possono essere criticate per la loro origine, lingua e cultura, ma uno stato può essere contestato per la sua politica".

9 commenti:

  1. Questi sono talmente spinti dall'ideologia che non capiscono nemmeno che le loro fortuna deriva proprio dall'essere in Italia .

    La loro specificità se la scordano sotto qualsiasi altro STATO !!

    RispondiElimina
  2. ..se fa loro tanto schifo
    ... Fare i bagagli e passare il Brennero
    ... vediamo come saranno calorosi i loro " concittadini " austriaci
    ... che non li vogliono nenache se paga l'Italia
    ... Mi chiedo se non hanno niente di meglio da fare
    ... Se proprio si annoiano perchè non si dedicano a qualche hobby più fruttuoso, magari a lavorare ....

    RispondiElimina
  3. Volete andarvene? ok, ma ridateci indietro i miliardi di lire che lo Stato italiano vi ha dato per farvi diventare ricchi... Eh si cari Alto Atesini di lingua tedesca... Voi eredi degli austriaci che hanno oppresso l'Italia per secoli, voi eredi di chi ha combattuto per Hitler, siete stati trattati dagli italiani con durezza durante il Fascismo ma dopo la Seconda Guerra Mondiale avete avuto un trattamento migliore di qualsiasi altra minoranza al mondo. Lo Stato italiano ha riempito di soldi gli Alto-Atesini facendo diventare l'Alto Adige da povera zona di montagna ad area più ricca di Italia. Sotto l'Austria sareste rimasti dei poveracci e considerati alla stregua dei terroni nostrani. Ogni cittadino alto atesino prende dallo Stato italiano 3000 euro in più di quanto dovrebbe... per questo i vostri sindaci sono i più pagati d'Europa! Quindi invece di dire grazie Italia o al massimo mostrare un rispetto verso gli altri italiani cosa fate? Sputate nel piatto che vi da da mangiare e denigrate! Complimenti! essere simili in Italia vengono chiamati parassiti... Non sò quanto durereste con l'Austria.

    RispondiElimina
  4. Potrebbe dire così anche il Veneto, il Friuli, ecc.
    Ma loro stanno così bene... che senso ha?

    RispondiElimina
  5. @Kylie
    ogni tanto si sentono di questi discorsi e questi gruppetti, per fortuna piccoli e locali, entrano in fibrillazione. La signora Kloz è una che si pippa 14000 euro al mese e deve far vedere ai suoi "seguaci" di guadagnarseli... Ci si dimentica sempre che l'Austria aveva perso una guerra e in questi casi il vincitore non è tenuto a chiedere nulla.Loro hanno avuto la possibilità nel 1920 di scegliere con un referendum dove stare... e che per almeno un secolo (se non oltre) anche i loro cugini trentini vennero annessi forzosamente all'impero austro-ungarico, così come altre nazionalità non tedesche, fino alla Prima Guerra Mondiale, subendo un trattamento ben diverso da quello goduto ora dai sudtirolesi in Italia. Sono oggi una minoranza trattata con i guanti bianchi (foraggiata dallo Stato italiano). Bisogna andare oltre e guardare all'Europa, per ora lungi dall'essere una realtà politica unitaria purtroppo,un futuro (magari lontano) che vada ben oltre barriere e contrapposizioni etniche.

    RispondiElimina
  6. Comunque, rimane sempre il paradosso di affermare i diritti dell'uomo e volere quindi estendere l'italianita' a tutto il mondo ma mello stesso tempo negare il diritto dei popoli all'autodeterminazione, per cui i Kosovari hanno diritto di espellere i Serbi e farsi il loro bello stato islamico ma i Tirolesi (che sono stati annessi come bottino di guerra dopo il 15-18) devono per forza essere Italiani.

    Siamo nazionalisti e internazionalisti a seconda di come tira il vento in quel momento.

    O meglio, siamo nazionalisti quando di tratta di imporre Pulcinella, siamo intenazionalisti quando ci viene chiesto il senso della cittadinanza.

    RispondiElimina
  7. Fuoritema sei fuoritema. Grazie all'autonomia che gode questa regione Roma restituisce il 90% dei soldi pagate dai sud tirolesi fra tasse ed imposte varie, loro non vivono con i soldi né tuoi né degli italiani. Vedi di informarti prima di parlare, perché comunicare è una conquista della quale dobbiamo mostrarci degni ed è peccato sentire della gente che parla a vuoto.

    RispondiElimina
  8. Fuoritema sei fuoritema, grazie all'autopnomia a questa regione vengono restituiti il 90% dei soldi pagati in tasse ed imposte varie, i sud tirolesi non vivono con i soldi tuoi e degli italiani. Vedi di informarti perché comunicare è una conquista della quale dobbiamo mostrarci degni, ed è peccato sentire della gente che parla a vuoto.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina