11.11.11

Chieti - Affitti in nero - Sfruttamento


Finalmente qualche risultato si incomincia a vederere nella lotta agli evasori fiscali totali anche nella città di Chieti. E' proprio vero che basta volere e questi signori escano allo scoperto rivelandoci un retroscena addirittura pazzesco, gente completamente sconosciuta al fisco con licenza di affittacamere rilasciate dalle autorità competenti. Affitti di case, sopratutto agli studenti universitari fuori sede in nero nella città di Chieti e nell'interland a prezzi da far rabbrividire, una stanza dai 300 ai 500 euro mensili. La Guardia di Finanza di Chieti ha accertato una evasione sulle imposte di 900mila euro, sull'irap per 135mila euro l'Iva non versata ammonta a 13.557; menre l'Ici a 9mila euro. L'operazione ha fatto individuare quattro persone completamente sconosciute al fisco, di cui uno che esercitava abitualmente l'attività di affittacamere dal 1982 con regolare licenza rilasciata dalla locale questura senza aver mai istituito la partita. L'attività è stata eseguita incrociando una immensa mole di dati ed elementi acquisiti presso gli uffici finanziari, gli enti locali, le società di erogazione dei servizi pubblici (acqua, luce e gas) e, soprattutto, presso l'università' di Chieti, la quale ha fornito una fattiva e determinante collaborazione. Adesso per completare il quadro si dovrebbero controllare le centinaia di denunce di abusi, arrivate al numero messo a disposizione per beccare un'altra bella quantità di furbetti, e ce ne sono tanti, che speculando sulla necessità degli studenti universitari,  fanno salire a dismisura i prezzi del mercato immobiliare cittadino e costringono le loro famiglie a enormi sacrifici economici. E poi dopo gli accertamenti si dovranno pubblicare le "pene" comminate caso per caso, per scoraggiare questo "mercimonio" vergognoso.
 
enio

6 commenti:

  1. Scusa Enio ma se tu in vita tua hai mai comprato o venduto una casa saprai per certo che la percentuale di "nero" sulle transazioni nel mercato immobiliare è sempre stata assurda, nonostante poi le transazioni siano certificate da un notaio.
    Altro che l'affittacamere sconosciuto al fisco, qui parliamo di TUTTI gli immobili comprati e venduti in Italia.
    E di questi immobili ce ne sono migliaia, forse milioni, mai inseriti nel catasto.

    Ora, chiediamoci il perché di tutto questo. Perché un bel giorno la Finanza "scopre" l'affittacamere ma non "scopre" l'immobiliarista che si muove con bauli di contanti o non "scopre" interi quartieri abusivi (che non sono solo una questione urbanistica ma ovviamente hanno dietro anche tutte le manfrine fiscali, dalle imprese che li edificano fino agli acquirenti).

    RispondiElimina
  2. l'argomento non mi concerne affatto, ma un saluto non lo nego :)

    suerte.

    RispondiElimina
  3. Ciao Enio!! Facciamoci gli auguri, un periodo storico l'abbiamo vissuto, combattuto e, oggi, l'abbiamo visto cadere! Da domani, inizieranno nuove battaglie!! AUGURI Enio e buon proseguimento di fine settimana! Ciao.

    RispondiElimina
  4. Un post di informazione e di denuncia.
    Molto utile.

    RispondiElimina
  5. adesso ci vuole un pò di coraggio da parte di questi studenti vessati economicamente con affitti in nero nel segnalare al 117 generalità, luogo e quantita di soldi pagati alla Guardia di Finanza che provvederà a fare inecessari controlli e al fisco applicare le sacrosante sanzioni.

    RispondiElimina
  6. Avevo un'amica in affitto a Venezia durante gli anni di università. Una topaia, affitto molto alto e rigorosamente in nero.
    Dove c'è da guadagnare le persone ne approfittano.

    Un abbraccio e buona serata!

    RispondiElimina