29.12.11

Basta capitali all'estero

 
Le stime della Guardia di Finanza parlano di 11 miliardi di euro fatti uscire dall'Italia con mille metodi e inesauribile fantasia, soprattutto tra agosto e ottobre scorso, quando grazie all'inerzia del governo Berlusconi la crisi ha iniziato ad aggravarsi. È quanto scrive il presidente dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, in un post pubblicato sul sito del suo partito.Quindi nonostante che il governo Monti abbia spostato nel PENALE il semplice mentire al FISCO, la fuga di capitali continua imperterrita. Di Pietro consiglia di limitare  al massimo la disponibilità delle banconote da 500 euro, che sono le più usate da chi trasporta i capitali oltreconfine, aumentare la tracciabilità dei pagamenti, ripristinare immediatamente il  reato di falso in bilancio e sottoscrivere accordi con la Svizzera, uguali a quelli già firmati da Inghilterra e Germania. Tassare pesantemente questi capitali lì nascosti impedendo così a ladroni e disonesti di derubarci, recuperando così facendo, secondo stime approssimative, circa 4 miliardi di euro di tasse.
 
enio

8 commenti:

  1. il mondo è dei furbi e perché fatta la legge,trovato l'inganno. Ergo a pagare sono e saranno, da che mondo è mondo, sempre i soliti (noti).

    RispondiElimina
  2. Se in Italia prolificano i "furbi", la colpa è dei governi che non attua i giusti CONTROLLI, specialmente di quello Berlusconi , che ha fatto 3o 4 CONDONI e agevolazioni varie ai signorotti abituati a portare i capitali all'estero. Con una misera percentuale di tasse li aveva fatti rientrare in Italia ma adesso con il governo Monti hanno ripreso la strada dei paradisi fiscali.Gli accordi che Germania e Inghilterra hanno stipulato con gli svizzeri per tassare gli evasori pare che non siano nemmeno presi in considerazione da questo governo che aspetta una legge unitaria e a livello europeo.Come si sta vedendo a pagare è il solito popolo bue.Intanto di fase due (quello della ripresa non si parla nella conferenza stampa di oggi)si parla in maniera vaga, siamo in recessione (mancanza di domanda su tutti i livelli)e l'anno prossimo molti operai si aggiungeranno ai cassa integrati odierni per protestare e chiedere una ripresa produttiva, si vedranno altre fabbrichette fallire per mancanza di soldi (le banche non prestano più soldi e se lo fanno pretendono interessi da usura)e la popolazione non compererà più niente perchè avrà i soldi solo per mangiare...

    RispondiElimina
  3. Da che pulpito!!! Che faccia tosta!!Secondo me costui è il più furbo dei furbi. Lui, Di Pietro, che ha la sua baby pensione assicurata e in più il lauto appannaggio di onorevole! Lui che ha fatto un sacco di soldi da quando fa "di mestiere" il politico. Gestisce in "famiglia" i soldi del suo partito ed è diventato un ricco immobiliarista (è per questo che ha votato contro il governo che ha reintrodotto l'ICI)! Non mi risulta che abbia rinunciato al finanziamento pubblico al suo partito!!

    RispondiElimina
  4. Enio, in questo momento proprio non ce la faccio a pensare a tutte le scorrettezze dei cosiddetti potenti e furbetti...preferisco distrarmi e concentrarmi cucinando , ma tutto questo non impedisce a chi è ricco di diventare più ricco e a chi sopravviveva di titrovarsi affamato...che dire?
    Buon anno??
    auguri a te e alla tua famiglia
    loredana

    RispondiElimina
  5. Se sapessi come fare forse lo farei anch'io questo paese purtroppo è allo sbando e si salva solo chi puo' e chi sa.....le manovre che stanno attuando certo non ci faranno uscire dalla crisi, anzi il 2012 sara' un anno terribile non c'è domanda è un paese l'Italia destinato al crollo! Mi dispiace scrivere queste cose, spero di sbagliarmi! Gli esempi vengono sempre dall'alto come si usa dire....ma noi a chi possiamo ispirarci??? nON C'E' NESSUNO!!!!
    ciao una buona giornata a te Stella

    RispondiElimina
  6. AUGURI PER UN FELICE ANNO ! Stella

    RispondiElimina
  7. Portarli all'estero è sempre stato un vizio di noi italiani.

    Buon anno nuovo! Baci

    RispondiElimina