24.1.12

Chieti - Italia popolo di evasori ?


Mentre l'Italia si arrabatta per uscire dalla crisi con immense difficoltà xausate dai nuovi tagli e come se non bastasse dagli scioperi a macchia d'olio di in tutti settori di tutte le categorie più o meno interessate, La Guardia Di Finanza comunica che sono stati oltre 7.500 gli evasori totali, cioè completamente sconosciuti al fisconel corso del 2011. Si tratta di imprese e lavoratori autonomi che avevano occultato allo Stato redditi per oltre cinquanta miliardi, una cifra pari quasi al doppio dell'ultima manovra finanziaria del governo Monti, Iva evasa per otto miliardi. I dati dell'attività della Guardia di Finanza nel 2011 confermano una verità che tutti conoscono: l'Italia continua ad essere un paese di evasori fiscali di gente che crede ancora di poterla fare franca. I numeri ufficiali sono impietosi e non è un caso che il presidente del Consiglio attuale, fin dal giorno dell'insediamento, va ripetendo che chi evade le tasse non solo danneggia tutti i cittadini onesti ma "offre ai propri figli un pane avvelenato" perchè "li renderà cittadini di un paese non vivibile". Le reazioni leghiste si sono subito fatte sentire:«Se al Sud evadono il 60%, fare i controlli lì invece di rompere le palle al Nord». Lo ha detto il governatore del Veneto, Luca Zaia, dal palco della manifestazione della Lega a Milano. In Grecia invece chi non paga le tasse vedrà finire il proprio nome online. Io li vorrei veder finire in carcere...

enio

11 commenti:

  1. Ma Zaia le paga le tasse ? Sai non vorrei che sti leghist gridanoi: al lupo al lupo e poi portano i soldi in Svizzera... controllate pure lui per favore, non si sa mai che troveremo altri evasori.

    RispondiElimina
  2. Sapete quanto paga di tasse Mitt Romney, candidato alle presidenziali americane, il quale ha guadagnato quasi 22 milioni nel 2011?

    Il 15%.

    Scandalo in America perché Obama ha pagato invece una aliquota del 25%.

    In Italia la pressione fiscale, cioè l'incidenza delle tasse sul reddito, nel 2009 era del 43%, calcolata mettendo in relazione le entrate fiscali con il PIL.
    Ovviamente nel 2012 è parecchio aumentata.

    Ora, vi chiedo: quando scatta per il cittadino il diritto a ribellarsi al prelievo fiscale troppo alto?

    Non venitemi a dire le solite palle sul fatto che gli Americani si pagano assistenza sanitaria e pensione. In realtà sono assicurazioni a carico della azienda presso cui lavori, quindi il problema si pone solo per chi non lavora. Tuttavia in America non solo è molto più facile trovare lavoro ma esiste anche il sussidio di disoccupazione, che in Italia invece non c'è e, come per tutto il resto, si demanda alla famiglia.

    RispondiElimina
  3. NON e'che prima della crisi i controlli si facevano poco e/o male???? Ad ogni modo... FORZA FINANZA. Si potrebbe ripetere come si fa tutti i giorni con l'art. 18 che pagare le tasse non deve considerarsi un Tabu' ma una cosa buona e bella ?L'evasione più consistente e sofisticata, spiegano dalle Fiamme Gialle, è quella che scaturisce "dalle triangolazioni fra società collocate nei paradisi fiscali, dalle intestazioni fittizie di patrimoni, dalle grosse operazioni elusive". Madai, vardi ti!!! E io che pensavo che fusse stà Santa Lucia e le bancarelle del Natale a rovinare l'italia.

    RispondiElimina
  4. E che controllo sia, che le leggi ci sono... vanno solo fatte rispettare.

    RispondiElimina
  5. Anche la chiesa sta con Monti e invita i cattolici, gli "altri" a pagare. «Oggi c'è da salvare l'Italia», ricorda il cardinale Angelo Bagnasco aprendo i lavori del Consiglio permanente della Cei, e perchè i «sacrifici» che gli italiani stanno compiendo non si rivelino «inutili» occorre «risanare e crescere», «creare lavoro ma anche conservare il nostro patrimonio di eccellenze...». Bagnasco ribadisce poi che sull'Ici, tema caldo delle ultime settimane, la Chiesa non chiede privilegi ma che le sia applicato il trattamento del non-profit, sempre disponibile a correggere eventuali violazioni: «evadere le tasse è peccato», se lo fa «un religioso è anche scandalo»

    RispondiElimina
  6. Bisogna vedere poi se il peccato viene perdonato dal Confessore con la penitenza di 3 pater - ave - gloria oppure se viene perdonato pagando i propri debiti con gli interessi. Amen!

    RispondiElimina
  7. Da quando c'è Monti o anche prima ? A partire da quale cifra? Basta confessarsi, pentirsi e recitare la penitenza o bisogna comunque presentarsi all'Agenzia delle Entrate e versare il dovuto per tutti gli anni di evasione? Chissà quanti preti peccatori, che non hanno mai pagato l'ICI andranno all'inferno da quest'anno

    RispondiElimina
  8. In carcere...in carcere....non esagerare, non c'è neanche un piano carceri!!!

    RispondiElimina
  9. finalmente le nuove misure contro gli evasori fiscali incominciano a dare i primi frutti: e che frutti. L'Agenzia delle Entrate ha contestato a Luca Laurenti, la spalla televisiva di Paolo Bonolis, il mancato pagamento di imposte Irap per due milioni di euro sulla sua proprietà milanese di Corso Buenos Aires tra gli anni 2000 e 2005.Equitalia ha quindi pignorato i suoi sei appartamenti milanesi, che hanno un valore complessivo di 5 milioni di euro.Speriamo solo che costui non sia l'ultimo di una linga serie di evasori, fino ad oggi rimasti impuniti. Evasori, per voi, mala tempora currunt...

    RispondiElimina
  10. anche a Milano hanno mazzolato di brutto sabato: 1 evasore su tre hanno trovato... la guerra ai poveri?

    RispondiElimina
  11. di evasori e di ladruncoli. Oggi a Napoli hanno arrestato 32 persone che percepivano la pensione senza averne diritto e pare che altre incorreranno nei guai della legge perchè altre indagini verranno aperte al riguardo.

    RispondiElimina