26.2.12

Chieti - La Giustizia è sempre uguale per tutti ?

Silvio Berlusconi, imputato per corruzione in atti giudiziari, è stato prosciolto per prescrizione dai giudici della decima sezione penale del Tribunale penale di Milano, al termine del processo sul caso Mills. Il dibattimento è durato cinque anni. Adesso che è passato il pur minimo pericolo di venir condannato a 5 anni, l'ex Premier ricomincia tranquillamente ad esternare. Secondo lui il processo contro di lui, era inutile e dall'esito scontato, in quanto innocente e perseguitato in questi anni ingiustamente dai PM di Milano, le cosiddette Toghe Rosse. Bisognerebbe ricordare a questo "signore", cos'è la Prescrizione e perchè gli è stata comminata in questo caso, dai giudici. Nel diritto penale la prescrizione estingue il reato dopo un determinato periodo di tempo trascorso dal momento in cui è stato commesso. E' un istituto che risponde a un principio di economia, evita cioè che il sistema giudiziario continui a impegnare risorse per perseguire un reato commesso troppo tempo prima e per il quale risulta meno sentita socialmente l'esigenza di tutela. E' una garanzia anche per l'imputato, perché col passare del tempo ha più difficoltà a recuperare fonti di prova a suo favore. Pertanto se il Cavaliere ritiene di essere stato danneggiato, rinunci alla prescrizione e ricorra in appello. Se lo farà, e io ne dubito, potrà dimostrare senza ombra di dubbio la sua innocenza. Il rischio è che venga invece riconosciuto colpevole di corruzione e si debba fare i 5 anni. A lui la scelta, noi abbiamo tanto tempo da perdere e potremmo tranquillamente aspettare un giudizio anche se dovessero passare altri 10 anni.

enio

12 commenti:

  1. Berlusconi secondo voi rinuncera' alla prescrizione ? Io dico che e' piu' facile che Israele e Palestina formino uno stato unico. Ora il nostro Cavaliere Nero, può aspirare alla massima carica dello Stato Italiano, gia dal 2014, quella di Presidente della Repubblica. Con i potenti mezzi di cui dispone non detto che ci riesca... Dio ce ne liberi, chissà quante figuracce faremmo se ciò dovesse verificarsi!

    RispondiElimina
  2. "evita cioè che il sistema giudiziario continui a impegnare risorse"

    Buahahahahah....

    Ma non ce l'abbiamo il senso del ridicolo?
    Ci sono due verità incontestabili in Italia.
    Una è che il Sistema Giudiziario è un altro "postodilavorificio" dove vengono parcheggiati dipendenti dello Stato che prendono stipendi senza avere nessun dovere or responsabilità ma con le massime tutele. Quanti magistrati hanno il doppio o triplo incarico, con i dovuti doppi e tripli stipendi e pensioni? E quindi per spostare un foglio da una scrivania ad un'altra ci vogliono anni, sempre se nel frattempo non va perso.
    L'altra è che, nonostante il principio di "obbligatorietà della azione penale", i magistrati scelgono quali procedimenti istruire e quali no, quali fare procedere spediti e quali no, eccetera. Per cui può capitare che uno accusato di gravissimi reati si trovi libero per sopravvenuta prescrizione o per qualche vizio procedurale mentre uno accusato di reati minori si trova imputato in processi sommari e colpevole in condanne esemplari.

    Stai a vedere che Berlusconi è la fonte di tutti i mali. L'anticristo. E gli Italiani sono tutti casti e puri. Sopratutto l'Ordine Giudiziario.

    RispondiElimina
  3. I partiti hanno giudicato la sentenza ognuno a modo proprio, confermando lo stesso clima che ha accompagnato tutto il processo.

    Per il PDL, giustizia è fatta solo in parte, mentre il PD invita Berlusconi a rinunciare alla prescrizione. Berlusconi ha preso atto che almeno in parte la giustizia non è stata calpestata.
    Per il Pubblico Ministero è da ricorrere contro la prescrizione.
    Io non commentiamo la sentenza, perché non avrebbe senso. Chi lo riteneva colpevole prima, lo ritiene colpevole anche adesso. Chi lo riteneva innocente, non cambia certo parere ora. Resta il fatto che ancora una volta la Giustizia non ha soddisfatto nessuno e che in qualche modo si dovrebbe far sì che non possano passare tanti anni per un procedimento.

    RispondiElimina
  4. Ciao Genio per me e sempre stata una farsa
    ciao buona serata.

    RispondiElimina
  5. Se avesse voluto arrivare a giudizio non avrebbe abbassato la soglia della prescrizione da 15 a 10 anni.
    Norma che gli è stata molto utile in moltissimi processi in cui era imputato.

    RispondiElimina
  6. Non ho più parole. Ma non ce la fa proprio a stare zitto?

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Il Cavaliere: "mezza giustizia è fatta"

    Infatti l'ha fatta diventare la... " giustizia per un...nano " utilizzando i saltimbanchi del suo circo di buffoni.

    RispondiElimina
  8. Ancora una volta l'ha scampata.
    Mi avvalgo della facoltà di non dire parolacce.

    RispondiElimina
  9. Non avevo dubbi sul fatto che questa storia sarebbe finita con la prescrizione, me lo sentivo. La cosa mi fa ( amaramente ) piacere, per due motivi molto pratici:
    - Il cavaliere non potrà fare la vittima, cosa che avrebbe sicuramente fatto in caso di condanna
    - I giudici potranno rivolgere il loro lavoro ad altre faccende, molto più produttive

    Non credo che Berlusconi sia innocente, ma questa sentenza rappresenta il male minore. La cosa mi ricorda il processo per mafia ad Andreotti che è andato avanti per anni senza ottenere niente di concreto. Andreotti non era così sempliciotto da farsi incastrare e Berlusconi ne ha seguito l'esempio. Oltretutto il cavaliere può contare sul gran numero dei suoi elettori che lo stimano oltre "ogni ragionevole dubbio". Meno male che per ora al governo c'è Monti, e speriamo che duri ancora un paio di anni. Diversamente rischieremmo di ripiombare nell'INCUBO berlusconiano e questo il nostro Paese non può più permetterselo (abbiamo già "dato" ).

    RispondiElimina
  10. @Tiziano

    «Non ho davvero nulla di cui pentirmi. Dovrebbero invece vergognarsi i miei persecutori, che da quando sono sceso in campo non hanno mai smesso di inventarsi processi fondati solo sulle calunnie, una macchina del fango mediatico-giudiziaria, una campagna di diffamazione su scala internazionale che non si è ancora fermata: anzi, dopo che mi sono dimesso dal Governo, l'accanimento giudiziario contro di me è addirittura aumentato".

    Tra 10 anni ne rimarranno solo le protesi e i rialzi sotto i tacchi...

    A maggio grosso raduno di alpini a Bolzano... durata tre giorni... remember!

    RispondiElimina
  11. ... a me non meraviglia più quello che afferma il Cainano e neanche quanto accaduto con quest'ultimo processo. Si sapeva che avrebbe fatto di tutto per arrivare alla "prescrizione". C'è riuscito! E' solo per questo che è entrato in politica: per sfuggire alla galera sicura!

    Ciò che continua, invece, a meravigliarmi... è che ci siano italioti che continuano a vedere "il male" altrove, annidato nella stessa giustizia magari. Gente capace, alle prossime elezioni, di votarlo pure sto farabutto e tutti i delinquenti e inetti di cui è circondato!

    Ciao Enio, buona giornata.

    RispondiElimina
  12. silvio ho paura che riuscirà a presentarsi anche alle nuove elezioni, e il popolo stupido italiano lo voterà

    complimenti davvero per il blog comunque, date anche un occhiata al mio anche se vi va

    RispondiElimina