4.4.12

Chieti - Falsi rilevatori Istat

In questi giorni arrivano telefonate strane, di mattina, sopratutto agli anziani per sapere se hanno in casa cani o sistemi di allarme. Attenzione sono falsi rilevatori Istat. Lo dicono i carabinieri che hanno ricevuto molte segnalazioni provenienti soprattutto da anziani. Nei giorni scorsi molti di questi anziani sono stati raggiunti da telefonate di sedicenti rilevatori Istat. Si trattava di chiamate che arrivavano soprattutto alla sera. I finti rilevatori Istat sono interessati soprattutto a un elemento in particolare. Chiedono agli anziani se hanno un cane. Le domande si spingono anche fino a sapere se ci sono particolari sistemi d'allarme e se gli anziani hanno un particolare timore dei ladri. Le domande si fanno particolarmente insistenti su questi punti. La scusa è quella di concordare una visita per una rilevazione più ampia. Due anziani svegli, hanno mangiato la foglia e si sono informati. E' emerso che l'Istat non ha in corso rilevazioni di questo genere e che, soprattutto, i rilevatori non fanno domande sulla presenza di cani da guardia in casa. I due anziani si sono resi conto che quello poteva essere il tentativo di qualche ladro che voleva sapere se poteva avere la strada sgombra da ostacoli e, soprattutto, se c'erano cani che potessero metterli in difficoltà. Allora sono andati dai carabinieri a denunciare l'accaduto. Così hanno scoperto che non sono stati i soli a ricevere telefonate del genere. L'Istat è stata contattata e ha confermato che nessuna indagine è in corso con queste modalità. L'invito, quindi, è a fare grande attenzione a questi finti rilevatori che telefonano e probabilmente vogliono solo acquisire informazioni per poter poi mettere a segno dei colpi. Il sospetto è che vogliano mettere a segno di furti in tutta tranquillità.

enio

10 commenti:

  1. il tutto è colpa del costo del lavoro che aumentando sempre più crea una massa di disoccupati che in qualche modo devono da campà.
    ma allora come mai che i rappresentanti politici eletti dai lavoratori non eliminano l'8 per mille restituendo un punto di irpef nelle buste paga di quelli che li votano?
    Anzi per dirla proprio tutta, come mai che weltrons o baffetto non hanno disdetto i patti lateranensi revocando stipendio ai parroci, agli insegnanti di religione, abolendo la gratuità di acqua, luce, gas per le curie etc, etc,
    il tutto per almeno 3 punti di irpef sul gobbo dei loro sostenitori?
    sommando il punto precedente a questi altri 3 si arriva a -4 punti percentuali irpef in meno in busta paga.
    A cui volendo fare conto paro ed arrivare a -5 potrebbero i suddetti rappresentanti del bobbolo dei lavoratori abolire anche le sovvensioni alla stampa ed ai partiti.

    RispondiElimina
  2. Certi blog stanno diventando un manuale di psichiatria.

    Leggendo il commento sopra sembrerebbe che se uno fa il ladro la colpa è dei "politici eletti" e in subordine dei parroci.

    La cosa che atterrisce è che sono milioni e tutti hanno diritto di voto.

    RispondiElimina
  3. @Lorenzo

    sono stati a rubare a casa di mia madre lo scorso mese di febbraio, hanno trovato la piccola cassaforte a nuro dietro un quadro, l'hanno aperta e si sono fottuti 86 anni di regalino d'oro (catenine orecchino e quant'altro, circa 300 euro di pensione rimasti)un'operazione chirurgica velocissima. Hanno richiuso la cassaforte, poco più che una scatola delle scarpe, e ci siamo accorti solo in occasione del suo compleanno, quando doveva indossare qualcosina e non ha trovato niente.Di fronte a lei hanno abitato per 2 anni, a spese del comune, una famiglia di rumeni che campa cercando elemosine all'interno della città davanti alle chiese.Magari saranno delle bravissime persone ma il dubbio rimane!!!! adesso sembra che i soldio che gli passava il comune se li sono spesi per diversi mesi e il propietario ha chiesto e ottenuto lo sfratto... avrebbero dovuto fargli lo "sfracello" dei locali a sti stronzi che per guadagnare qualche liretta, magari in nero, non hanno ricevuto affitto da questi per almeno 2 anni. Alla richiesta dell'affitto: "nun tengo niente debbo mangiare ciò la piccolina debbo camprare il lattte...".Quì da noi speculano maledettamente su questi disperati e sugli studenti universitari, suppersfruttati... una stanza magari a 350 euro.Senza contratto, tutto in nero, poi si verificano abbandoni con tre o quattro mesi di "buco" e per entrare nei locali bisogna chiamare il fabbro....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui a milano i vecchi soli non possono ammalarsi faresi ricoverare, e lasciare l'appartamento vuoto, perchè immanentemente viene occupato da una famiglia di qualsiasi parte del mondo (preferibilmente dell'est) con tre figli piccolissimi a carico... e quand'anche riesca arientrare in possesso dei suoi locali, se li ritrova letteralmente devastati, con gli igenici divelti o rubati...

      per quello emigro in un paesino di 500 abitanti, son 60 chilometri dalla metropoli, ma vuoi mettere la qualità della vita ??!!

      Elimina
  4. @enio
    Io abito nella periferia di Milano. Non so se hai presente cosa significa. Una sera avevo appuntamento con degli amici lungo uno dei grandi viali e mentre cercavo la vietta laterale sono capitato in una rissa tra due gang cinesi. Io che passavo con lo scooter mentre questi si tiravano le bottiglie da una parte all'altra della strada. Intanto ridevo come un matto perché mi era venuto in mente il film "Grosso Guaio a Chinatown".

    Poi ho lavorato per qualche mese in un ufficio che era situato al piano terra di una vecchia cascina adiacente un campo nomadi, a cui si arrivava con una lunga viuzza nascosta sul lato del naviglio. Anche li ti lascio immaginare.

    Il mondo è questo, c'è poco da fare. Del resto se pensi alla New York di inizio secolo, quando sono arrivate le ultime ondate dei migranti dal nostro Sud...

    RispondiElimina
  5. Dalle mie parti passano questuanti di tutti i tipi, ma i falsi rilevatori istat mi mancavano.

    Un bacione

    RispondiElimina
  6. vero, ho sentito questa notizia... teniamo gli occhi e le orecchie ben aperti !

    RispondiElimina
  7. Attenzione: Blogger sta per attivare a tutti indifferentemente la "nuova" interfaccia per amministrare il blog, anche a chi sta ancora usando le interfaccia "vecchia".

    RispondiElimina
  8. grazie tante per l'informazione, ormai siamo in balia di blogspot.com e dato che il servizio è gratuito: sia fatta la sua volontà...

    RispondiElimina