2.11.13

Chieti - Deputato, quanto ci costi??


La Camera spenderà nel 2013 quasi 700.000 euro per la formazione linguistica ed informatica di ciascun deputato. 1000 euro all' anno (5.000 per legislatura) per imparare a navigare su internet e magari a usare Word sembrano un po' tanti. E poiché immagino che pochissimi deputati abbiano il tempo e la necessità di seguire questi corsi, il costo per quei pochi che li frequenteranno effettivamente è enormemente superiore. Questa è una delle tante voci inspiegabili del bilancio di una istituzione che sempre più allontana i cittadini dalla politica. Abbiamo visto che la Camera dei Deputati costa più del doppio della House of Commons britannica, nonostante quest' ultima abbia un numero di deputati addirittura superiore. Ma almeno la spesa della Camera è diminuita in questi ultimi anni? Il sito della Camera ha appena pubblicato, finalmente, il bilancio consuntivo del 2012 e il preventivo del 2013. Con grande fanfara, la Camera annuncia una riduzione della spesa totale del 2013 sul 2012 di 33 milioni, circa il 3 percento. Il fatto è che anche questo numero è frutto di un incredibile trucco contabile. La realtà è che la spesa è aumentata tra i 120 e i 140 milioni, a seconda della definizione: in ogni caso, ben oltre il 10 percento in un solo anno. Il sito della Camera confronta la spesa prevista per il 2013 con la spesa prevista nel 2011 per il 2012. Ma questa previsione iniziale è irrilevante, visto che ora conosciamo la spesa effettiva del 2012. Rispetto a questa, secondo il comunicato della Camera la spesa nel 2013 aumenterà di ben 74 milioni, da 981 milioni a 1.055 milioni. Inoltre, nel comunicato il confronto è fatto sulle spese di competenza. Ma la spesa di competenza non è necessariamente uguale alla spesa effettiva, o di cassa. Proprio per evitare questi trucchi da molto tempo si tende a guardare ai bilanci di cassa. Ebbene, in entrambi gli anni la spesa totale di cassa è ben superiore a quella di competenza, ed ancora una volta sarà molto superiore nel 2013 che nel 2012: sempre secondo il bilancio delle Camera, 1.160 milioni contro 1.023, un aumento di 137 milioni, oltre il 12 percento! È difficile immaginare una comunicazione più ingannevole di quella prodotta dalla Camera. Dicevamo, 700.000 euro per la formazione linguistica e informatica, la maggior parte dei nullafacenti, si rende a malapena conto di essere a Roma, mentre si rende perfettamente conto di aver trovato l'albero della cuccagna alle spalle del popolo bue, truffato un giorno si e l'altro anche. La causa di tutto questo, purtroppo, siamo noi cittadini, ignoranti, inconsapevoli, stressati, ammalati, che invece di ribellarci civilmente e fermamente, ogni cinque anni, andiamo a votare sempre gli stessi, accontentandoci delle promesse di circostanza. Einstein diceve la colpa dei problemi dell'umanità non è di chi li ha causati, ma bensì di tutte le altre persone che pur sapendo questo stanno a guardare senza reagire. Svegliamoci!!
@enio

14 commenti:

  1. Se non sanno usare word o spedire una mail, devono essere licenziati e sostituiti per legge.
    Altro che formarli, a casa a zappare la terra, o con un tagliaerba in mano.

    RispondiElimina
  2. Se non hai la patente ti iscrivi ad una scuola guida e se non sai utilizzare il PC, iscriviti ad un corso. Ma con i tuoi soldi! A che servono i corsi di informatica ai parlamentari? Per fare meglio i cavoli loro mentre gli altri dormono o telefonano all'amante fregandosene altamente dei problemi veri da dibattere. Altro schifo ed altre spese!!

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. E' una nazione alla deriva, non solo per questo ovviamente. Forse non c'è più futuro.

      Elimina
  4. 700.000 euro pe rla formazione linguistica??? mi chi abbiamo (hanno) votato, delle zappe ignoranti che parlano solo dialetto??
    e io che mi ero illusa leggendo che con la Boldrini c'è stata una riduzione dei costi della Camera di 50 milioni..
    .
    ma addavenì baffone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non sanno usare word o spedire una mail, devono essere licenziati e sostituiti per legge.
      Altro che formarli, a casa a zappare la terra, o con un tagliaerba in mano.

      Elimina
  5. Hai ragione, bisogna svegliarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per molti è un occasione per imparare la lingua madre e una dimostrazione che la politica è il ricettaclo di tutti i falliti. Basta gurdarli in faccia.
      Ma non dovrebbe essere la gente migliore che fa da classe dirigente?

      Elimina
  6. la colpa è tutta del bobbolo e di beppe grilo, perchè se il bobbolo eleggesse ogni volta le stesse persone, non ci sarebbe bisogno di ri-pagargli i corsi, lo stesso vale per il vitalizio

    RispondiElimina
  7. Ma io voglio reagire, però vorrei sapere in che modo!
    Votare non votare, qual'è la cosa giusta?
    Perlomeno ora c'è maggiore informazione, ma mi chiedo può bastare?
    Speriamo in bene. Ciao Enio.

    RispondiElimina
  8. Ma come è possibile che non conoscano le lingue! Ma dobbiamo pagare noi una formazione che dovrebbe essere superflua perché è scontato conoscere le lingue. Ignoranti!

    RispondiElimina
  9. Guarda Razzi e capisci tutto!

    RispondiElimina
  10. pensare che nella ditta dove lavoro io, diversi anni fa mi portarono il computer e mi dissero "nei ritagli di tempo fatti un pò di autoistruzione"... il computer è ancora quello ed anche office... versione 1997...

    RispondiElimina