27.10.13

Chieti - Silvio: "E' quì comando io, e questa è casa mia..."


"E' quì comando io, e questa è casa mia..." tuona Silvio, parafrasando una canzone del passato... Addio al PDL. Berlusconi sospende tutte le cariche, inclusa quella del segretario Alfano, e si riprende il partito. L'8 dicembre (in coincidenza con le primarie del Pd) un Consiglio nazionale, sancirà il ritorno a Forza Italia, con un nuovo organigramma. I lealisti esultano: il Cavaliere mette nell'angolo il suo ex delfino, anche se gli conferma a parole la «stima» e ribadisce la volontà di mantenere unito il partito. Un epilogo che costringe il vicepremier a fermarsi per valutare il da farsi. Intanto, a dispetto dei governativi, il ri-fondatore di Forza Italia torna a minacciare la tenuta del governo, se il Pd voterà sì, alla sua decadenza. Il Pdl sfiora la scissione. Un partito sempre «accusato di essere di plastica», ammette Berlusconi, dopo 20 anni si è scoperto un partito «reale», diviso in due da «ambizioni» e «contrasti personali». Chissà, in caso di scissione del PDL, chi ripianerà gli 82 milioni di "buco" fatti in questi ultimi 5 anni?  Io penso che ci sarà un corri corri nel partito di Berlusconi per cantare ancora una volta : "Meno male che Silvio c'è...".

@enio

10 commenti:

  1. Il più importante partito del centrodestra non può ridursi a giocattolo di un vecchietto che diceva di fare il premier a tempo perso perché a tempo pieno pensava alla mona delle minorenni

    RispondiElimina
  2. L'ultima che hai detto, @enio: voto per il corri corri...

    RispondiElimina
  3. adesso basta, gli Italiani non ne possono e' umanamente impossibile che possono sperare di cambiare questo paese con uno che è da vent'anni che ci prova e non ci e' mai riuscito

    RispondiElimina
  4. In democrazia conta il voto, non le nostre chiacchere.

    Fintanto che Berlusconi ottiene tanti voti è legittimato a rappresentare gli Italiani. Adesso che l'hanno fatto fuori per via giudiziaria può sempre indirizzare i voti verso un suo incaricato.

    Per contro, se fosse vero che "gli italiani non ne possono più", dato che nessuno li obbliga col fucile puntato come nei regimi comunisti, Berlusconi non prenderebbe voti e sparirebbe dalla scena oppure ne prenderebbe pochi come Casini o Monti, con la conseguenza di contare come il due di coppe.

    Enio, il partito non è stato solo "fondato" da Berlusconi, è stato anche finanziato dal medesimo e i suoi dirigenti sono o ex dipendenti di Berlusconi o suoi clienti (nel senso romano del termine). Per cui è ovvio che senza di lui il partito non esiste.

    E' lo sbaglio catastrofico, quello di non preparare la propria successione e di non coltivare dei dirigenti a cui potere delegare. Ma è tipico delle personalità narcisiste, come sono necessariamente i "leader carismatici".

    Putroppo il problema è che l'Italia non offre alternative. Al momento possiamo scegliere tra il PDL/Forza Italia, il PD lacerato tra egemonia del PCI e neo-democristiani alla Renzi e il Movimento del Guru.

    RispondiElimina
  5. Come scrivevo anche in un altro post di analogo tenore è un incubo senza fine.

    RispondiElimina
  6. Esce periodicamente dalla tomba per scassarci i cabasisi. Ma mettiti in pensione e basta.

    RispondiElimina
  7. Doctor Silvius, ha fatto il patto col diavolo?

    RispondiElimina
  8. Concordo sul fatto che se è riuscito a rimanere sulla scena politica per un tempo così lungo, è perché in qualche modo, di sostenitori tra gli italiani ne ha veramente tanti.
    Quello che mi stupisce è che non sia sa chi l'abbia mai votato perché quando chiedi in giro, tutti lo deterstano. Sarà perché in realtà l'hanno votato, ma si vergognano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lui ci prova, ieri alla presentazione del nuovo libro di Vespa blaterava: «La partita è ben lontana dal fischio finale, perché la sentenza che mi ha condannato è fondata su delle falsità, e sarà ribaltata molto presto». Si vede che dopo che la sentenza gli è stata letta e motivata dalla Cassazione, ha intenzione di rivolgersi al Padreterno! Chissà lui è dotato di infinite risorse.

      Elimina
  9. E' vero che la partita è lontana dalla fine; c'è ancora Ruby, Lavitola e De Gregori.... (sono solo quelli che mi sono venuti in mente ora)... e poi ci saranno senz'altro dei tempi supplementari... le escort dell'Olgettina, l'istigazione alla prostituzione. Auguri Brlusca

    RispondiElimina