7.12.10

Assange si è costituito

 
Il fondatore di Wikileaks Julian Assange è stato arrestato oggi dalla polizia britannica. Scotland Yard ha riferito che Assange è stato arrestato alle 09.30 (le 10.30 in Italia) sulle base di un mandato d'arresto europeo. L'arresto è avvenuto in una stazione di polizia londinese dove si è presentato il cittadino australiano dopo aver preso appuntamento con i poliziotti. Successivamente Assange comparirà davanti alla corte di Westminster. Contro di lui pesa un mandato di cattura internazionale per il presunto stupro, in Svezia, di due donne. Accuse che il giornalista australiano ha sempre negato. Ora, dopo essere interrogato dalla polizia britannica, dovrà apparire davanti ai magistrati della corte di Westminster che decideranno sull'estradizione. Il suo avvocato - che nelle ultime, frenetiche ore ha trattato la resa del suo assistito con Scotland Yard - ha ribadito che Assange si opporrà con tutte le sue forze a ogni tentativo di estradizione, perché il rischio è che possa essere "consegnato agli americani". I suoi sostenitori, intanto, non si fermano: l'arresto di Assange è un attacco contro la libertà di stampa e non modificherà i piani per la diffusioni di nuovi documenti, ha immediatamente commentato il portavoce di WikiLeaks Kristinn Hrafnsson. E un network di hacker ha organizzato un attacco informatico contro PayPal e Postfinance, che hanno bloccato i finanziamenti al sito.

9 commenti:

  1. Adesso arresteranno anche i direttori del New York Times, dello Spiegel, de El Pais e di Le Monde ? visto che loro hanno pubblicato i "cable" prima del sito Wikileaks...

    RispondiElimina
  2. x Sciuscia

    Vorrei proprio capire di cosa può essere accusato Assange. Si è limitato a diffondere - utilizzando un sito Internet - delle informazioni caricate lì da altre persone di cui non si conoscrà mai le generalità. Prima di pubblicarle le ha inviate a quattro importanti quotidiani internazionali che a loro volta si sono confrontati con il Dipartimento di Stato USA per verificarne la autenticità. Ha fatto quello che di norma fanno i giornalisti seri (Feltri compreso): vengono in possesso di informazioni, ne verificano l'autenticità, le pubblicano. L'accusa di stupro ad Assange secondo la stampa internazionale è controversa e forse anche un pò falsa...

    RispondiElimina
  3. Chi è Assange? ....Fin dalla nascita, un alone di mistero circonda la figura di Julian Paul Assange, 39 anni - ma anche la data di nascita è incerta - l'australiano fondatore del sito di diffusione di documenti Wikileaks, arrestato oggi a Londra su mandato emesso in Svezia per reati sessuali.

    L'hacker-giornalista più famoso al mondo - anche se lui rifiuta come offensiva la definizione di 'giornalista', criticando l'atteggiamento giudicato "complice" della stampa nelle guerre moderne - ritiene di essere vittima di persecuzione.

    Ritiene di essere oggetto di diffamazione per aver pestato troppi piedi, a partire da quelli del Pentagono, per aver pubblicato 400.000 documenti segreti, molti dei quali "scottanti", sulla guerra in Iraq e 77.000 su quella in Afghanistan.

    E' capace di forzare i sistemi più protetti con l'unico scopo di vedere se c'é nascosto qualcosa di interessante da pubblicare.

    "Chiamatemi mendax (bugiardo). Ma nel senso oraziano di 'splendide mendax' (bugiardo per una giusta causa)". Secondo la leggenda, il primo nome di battaglia scelto in Australia dall'allora 16enne futuro fondatore di Wikileaks fu preso di peso dal poeta latino Orazio. Nato nel 1971 a Townsville, nel Queensland australiano, Assange dovrebbe il suo nome a Ah Sang ("signor Sang" in cinese), un emigrato dalla Cina trasferitosi all'inizio dell'Ottocento in Australia....

    RispondiElimina
  4. Purtroppo anche gli hackers sono soggetti alla giustizia terrena e come si sa, basta pagare una minorenne per incastrare chiunque, a volte anche un presidente.
    Per questo proporrei un disegno di legge che obblighi le persone ad andare in giro con ben visibile un badge, con foto e dati anagrafici

    RispondiElimina
  5. Io tifo per Assange: viva la libertà di stampa, è un nostro diritto sapere dei loschi intrighi del potere. Spero che presto cadano quelle assurde accuse di violenza sessuale

    RispondiElimina
  6. Certe accuse mi sembrano un po'tempestive..con tutte le donne che subiscono violenza ogni giorno, le vittime del turismo sessuale in primis, perché non si perseguono i loro "veri" aguzzini?

    RispondiElimina
  7. Per me chi riesce a scoprire e a far conoscere a tutti le str...pardon, le frescacce che si combinano ai piani alti, dovrebbe essere premiato.

    RispondiElimina