25.3.11

Chieti - Effetto Fukushima, Simpson censurati

La Svizzera blocca gli episodi in cui i pasticci di Homer sul lavoro rischiano di causare incidenti nucleari 
 

L’equipaggio della portaerei Ronald Reagan pulisce il ponte per rimuovere eventuali contaminazioni
 
Come si vede ognuno nel suo piccolo si preoccupa a ragione o a torto e intanto la nube radioattiva sta arrivando proprio sopra di noi, nei nostri cieli. Dopo aver attraversato, nei giorni scorsi, Islanda e Francia, tra oggi e domani sarà sull'Italia. Nessun allarmismo, però. Secondo gli esperti non ci sarebbero rischi per la popolazione. Anche se nelle farmacie della città le persone chiedono informazioni e possibili rimedi. A 13 giorni dal terremoto e dallo tsunami che hanno devastato il Giappone, scatenando anche l'incubo nucleare, la nube radioattiva propagatasi dalla centrale di Fukushima sta arrivando nei nostri cieli. Secondo gli esperti, comunque, non ci sarebbe alcun rischio di contaminazione. Il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, ha addirittura negato la presenza di una nube tossica. «Ci sono normali masse d'aria che portano ridottissime quantità di radioattività e che possono essere misurate dai nostri strumenti», ha rassicurato ieri pomeriggio. «Non è escluso - ha aggiunto - che quando arriveranno sull'Italia oggi la quantità di radioattività sia così diluita che non si possa neanche misurare. Dobbiamo credergli ciecamente o dobbiamo avere qualche dubbio pure noi ? 

8 commenti:

  1. se siamo preoccupati in Europa noi chissà cosa dovrebbero dire i giapponesi che abitano nel raggio di un centinaio di chilometri !

    RispondiElimina
  2. Cerchiamo di essere seri.
    Se dobbiamo preoccuparci di qualcosa, preoccupiamoci dei rettori nucleari in Francia, Svizzera e Slovenia.
    Infatti, non so se vi e' chiaro, anche i reattori perfettamente efficienti ogni tanto hanno un piccolo guasto in seguito al quale scaricano un po' di roba radioattiva (fumi, acqua).
    Non so i Francesi ma gli Svizzeri se possono scaricano tutto in Italia.

    Detto questo, una cosa di cui ci dobbiamo preoccupare sul serio e' la EVIDENZA della follia dei reattori nucleari attuali e cioe' che basta fermare le pompe di raffreddamento per qualche ora per scatenare l'apocalisse. Per quanto i sistemi critici siano ridondanti, l'esperienza insegna che se qualcosa puo' andare male sicuramente andra' male.
    Da cui i reattori nucleare sono costruiti in maniera abbastanza suicida.

    RispondiElimina
  3. Forse non sono stato chiaro, le pompe di raffreddamento devono funzionare anche REATTORE SPENTO.
    E' come tenere una bomba atomica nel frigo che esplode se la temperatura sale di 10 gradi.

    RispondiElimina
  4. La Germania, nel vertice di ieri a Bruxelles, ha chiesto che TUTTE le centrali nucleari europee venissero sottoposte a rigorosi test. La Francia ha risposto seccamente che le sue centrali non saranno sottoposte a nessun test, si può fare, ma deve riguardare gli altri paesi, nessuno metterà mai piede nelle centrali di Francia. La solita storica arroganza Francese, la stessa dimostrata in questi giorni in libia, si ripresenta anche davanti ad una proposta che, tra l'altro, arriva da un'altro paese che ha delle centrali nucleari! Ed in un momento di riflessione che segue la tragedia atomica in Giappone.Per me hanno qualcosa da nascondere!

    RispondiElimina
  5. Mi sembra del tutto inutile e propagandistico.

    Le centrali nucleari sono progettate e funzionano all'interno di determinati parametri operativi.

    Per esempio la centrale giapponese era progettate per resistere ad uno tsunami con onde alte 5 o 6 metri eppero' stavolta sono arrivate onde alte piu' del doppio.

    Quindi ispezionare le centrali non serve a niente. Piuttosto bisognerebbe ricalcolare il rapporto costi-benefici ma la cosa e' abbastanza complicata. Infatti riguarda tutto quello che ci circonda. L'esempio classico e' che da una parte incentiviamo l'industria dell'auto e dall'altra mettiamo divieti di circolazione per rimediare all'eccesso di traffico/inquinamento.

    RispondiElimina
  6. :-( questa dei Simpson non la sapevo!

    RispondiElimina
  7. questa è come quella della giunta di Verona, presieduta da un leghista-cacciatore, che ha vietato
    i manifesti anti-caccia definiti troppo cruenti !!!!

    ipocriti loro, ingenui noi !

    RispondiElimina
  8. mmmmm... testare le centrali nucleari...

    manderei in avanscoperta loro, i politici, poi i costruttori, poi i nuclearisti ed infine i pedofili... così tutti in compagnia !!!

    RispondiElimina