28.4.11

Chieti - Ma è così difficoltoso adattarsi ?

Spesso capita di vedere, nonostante l'assessore si vanta di aver portata la differenziata al 44%, in città a situazioni a dir poco ridicole: cassonetti vuoti e immondizia lasciata per terra nelle loro vicinanze. Non è il caso che il nostro amico Luciano Pellegrini, oggi ci sottopone. Ormai i cittadini stanchi di rivolgersi alle autorità comunali, si rivolgono a lui e il nostro menestrello imbraccia la sua webcam e ci manda delle foto che chiariscono efficacemente il problema. Lui si pone questa domanda (perchè quì sono extracomunitari a cui il comune magari paga anche l'affitto): MA E' COSI' DIFFICOLTOSO ADATTARSI? Vivere in un paese che non è il tuo significa accettare le regole specialmente se hai bambini che devono integrarsi nel tessuto sociale. Se poi vuoi contestare i regolamenti, a chi ha la responsabilità spetta spiegarli con le buone maniere. In Sopportico Salita Piazzetta su Via Toppi, c’è una famiglia che non si adegua alla raccolta porta a porta. Inoltre i bambini sono un po’ “ rumorosi” imbrattando i muri, gettando roba dal balcone, schiamazzando. Il vicinato ha fatto rimostranze anche verso le istituzioni…,ma niente cambia! E’ doveroso ed urgente che con il dialogo e no la repressione si convinca questa famiglia a vivere civilmente con i cittadini del sopportico e del quartiere.



Scritto da : Luciano Pellegrini
 
 

7 commenti:

  1. purtroppo casi come questo in città se ne contano a decine.Gente messa ad abitare magari in appartamenti fatiscenti, gente che di giorno va in giro a cercare l'elemosina, gente a cui il comune passa l'affitto (che spesso loro spendono in altro modo così il proprietario dell'immobile viene mensilmente gabbato)e che si comportano in maniera appena superiore agli animali. Davanti casa di mamma c'è una famiglia del genere, lasciano le scarpe fuori dalla porta, sul ballatoio d'ingresso e nessuno ha il coraggio di dire niente per paura di beccarsi una "cortellata"... loro fanno e disfanno a loro piacimento e nessuno gli dice niente.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Infatti questi extracomunitari si aspettano che tutti gli altri si adattino. E' cosi difficile adattarsi?

    RispondiElimina
  4. Esistono multe, multe e ancora multe. Non paghi allora la prossima multa ancora più salata fino a quando in quella casa verrà qualcuno a sequestrare beni immobili di egual valore alla somma in denaro.
    Questo vale per gli extracomunitari che per gli italiani.

    RispondiElimina
  5. In effetti qualche multa in più ci starebbe tutta.

    RispondiElimina
  6. @Kilie
    questi campano di elemosine e di contributi del comune e credi che le pagherebbero le multe? La gente spesso ha paura e non si riesce neanche opera di convincimento sul vivere "civile"... Il mondo in questi ultimi 10 anni è cambiato e noi stiamo per essere colonizzati dagli extracomunitari.

    RispondiElimina
  7. Non siamo cosi civili, prego leggere qui:
    http://eldalie.blogspot.com/2011/04/viva-litalia-un-par-di-balle.html

    RispondiElimina