4.10.11

Chieti - Multe, solo 30 giorni per il ricorso

La notizia riguarda indistintamente tutti quelli che utilizzano un mezzo di locomozione per spostarsi da un posto all'altro. Occhio, da dopodomani, alle multe. Soprattutto se siete convinti che il verbale di violazione al Codice della strada vi sia stato elevato ingiustamente. Perchè proprio dal 6 ottobre verranno dimezzati i tempi per presentare ricorso: da 60 a 30 giorni per portare le sanzioni davanti al giudice di pace. Una novità contenuta nel provvedimento di riordino e semplificazione dei riti civili attuato con il decreto legislativo 150/2011 pubblicato in Gazzetta ufficiale il 21 settembre scorso. Una novità che riguarderà anche le violazioni amministrative in tema di lavoro, previdenza, ambiente, somministrazione di bevande e alimenti. Ma il «grosso» della questione, tocca proprio le multe. Solo tra gennaio e settembre di quest'anno sono stati infatti tanti i ricorsi iscritti a ruolo presso gli uffici del giudice di pace, più di uno al giorno. Nel giro di un pochi mesi dunque, per gli automobilisti sono arrivate due cattive notizie: prima, a gennaio 2010, con la cancellazione dell'esenzione dal pagamento del contributo unificato per le opposizioni alle sanzioni amministrative (37 euro), ora con un mese di tempo in meno per raccogliere prove e documentarsi sulle norme, spedendo il prima possibile la lettera di ricorso. Insomma, per tentare di dimostrarsi innocenti, si deve pagare e si deve fare più in fretta. In questo periodo di crisi i comuni, non potendo aumentare le penali, come tutti gli altri esattori, riducono drasticamente i tempi. Tanto a pagare siamo sempre noi...

enio

8 commenti:

  1. sempre peggio. E' ufficiale, d'ora in avanti Equitalia (sic) potrà prelevare i tributi dovuti direttamente dal conto corrente. Ma ci rendiamo conto? Quanto al ricorso e al raddoppio della multa se si perde, è come se chi ricorresse in appello dopo una condanna in primo grado, questa gli fosse raddoppiata!

    RispondiElimina
  2. Se si ricorre al giudice di pace e questi conferma la sanzione, questa non viene raddoppiata, però deve essere pagata al momento, ma voi lo sapevate che gli extracomunitari e gli europei dell'est non pagano quasi mai le multe? comodo, no? La soluzione sarebbe anche a portata di mano. ti fermo e ti contesto l'infrazione, la multa la paghi al momento. Non hai soldi? Ti accompagno al bancomat e prelevi. Non puoi pagare? Ti sequestro il mezzo e lo metto all'asta. Vedrai come si risanano le casse dello stato!

    RispondiElimina
  3. E allora devo dire meno male che da venti anni non più l'auto né la patente rinnovata.

    RispondiElimina
  4. mi sento come a Nottingham ...

    RispondiElimina
  5. Eccolo, il governo più liberale della storia repubblicana che doveva salvarci dalle tenaglie dello statalismo soffocante. Oltre a toglierci i soldi dalle tasche con tutti i sotterfugi possibili e immaginabili, hanno rubato pure le parole e il loro senso, che forse è anche il furto peggiore. Destra, liberalismo, libertà, meritocrazia, la stessa religiosità, in bocca a questa gente son diventati barzellette che non fanno nemmeno ridere. I miei omaggi a chi li ha messi e tenuti al governo così a lungo. Spero solo che i loro figli gliela facciano pagare amaramente.

    RispondiElimina
  6. Ricorsi alle multe?!?.... Al di la che spesso i vigili si voltano dall'altra parte e chiudono entrambi gli occhi per la marea di infrazioni che si vedono ogni giorno penso che sia giusto porre un termine ai ricorsi che spesso si fanno per cavarsela.... C'è comunque l'idea che chi prende una multa è sfortunato in quanto le infrazioni sono talmente tante e senza essere sanzionate che quando ti prendono sai benissimo che sei quell'uno su mille caduto nella rete.... Così non va bene ragazzi!......

    RispondiElimina
  7. Ciao Enio e buona serata! Stavo per aggiungere qualcosa che è anche "peggio" di questa bella sorpresa da te ricordata!! Ho visto, però, che l'ha già rammentata Marco nel suo commento! Da oggi, gli scagnozzi dell'agenzia "recupero crediti" di stato avranno mano libera anche sui conti correnti bancari! Intanto paghi... poi se hanno sbagliato, dio provvede (per chi è credente)! Sostanza: fregature in arrivo, credente o non!!

    RispondiElimina
  8. Se ti bocciano a scuola, fai ricorso al Tar. Ai miei tempi mi prendevo solamente una scarica di pedate dai miei genitori. Se ti fermano per strada e ti multano, fai ricorso al GdP o al Prefetto. Se non passi il concorso, fai ricorso. Mi pare sia eccessivo, semplicemente. Se poi mi hanno multato ingiustamente, o peggio mi han ritirato la patente, o comunque ritengo che la sanzione sia palesemente infondata, puoi star sicuro che il giorno dopo parte subito il ricorso!

    RispondiElimina