5.12.11

Chieti - I sacrifici, le pensioni e le lacrime

Piangendo io ti fotto. Il ministro del Welfare Elsa Fornero si è commossa durante la conferenza stampa di presentazione della manovra, ieri sera. Inizia spiegando ''i vincoli finanziari oggi sono severissimi: nessuna riforma nell'anno della sua introduzione da risparmi. E' un meccanismo lungo. E allora abbiamo dovuto, e ci e' costato anche psicologicamente, chiedere un sacr...''. Il ministro non termina la frase che si riferiva al blocco della perequazione delle pensioni... comunque prosegue Monti. Ci bloccano le pensioni senza agganciarle al costo della vita causata dall'inflazione e ogni pensionato, ci rimettarà, strada facendo dei bei soldini , che gli sarebbero stati necessari per non vedere la sua pensione erodersi inesorabilmente anno dopo anno. Il pensionato sarà quindi costretto,suo malgrado, con la sua misera pensione, a pagare per gli sbagli fatti in passato da governi scialacquatori e approssimativi, la sua bella parte del deficit finanziario dell'Italia. Ti credo che piangi, brutta vecchiaccia, ma dalla vergogna, perchè tu verrai senz'altro maledetta, ogni mese da tutti i pensionati d'Ialia, dalle Alpi alla Sicilia, per tutto il tempo che rimarrai al governo e per tutti i mesi o ogni qualvolta questi saranno in fila alla posta, per ritirare quello che gli sptatta, dopo aver lavorato e versato contributi per una vita. Io oggi, grazie a questo governo, ho  solo d'augurarmi che a 70 anni non mi tocchi di riandare a cercarmi un lavoro......magari come lavapiatti, in qualche ristorante, così avrei assicurato almeno 2 pasti al giorno.
enio

22 commenti:

  1. perequazione sulle pensioni,ICI sulla prima casa, più 2% su IVA, bollo su tutti i depositi in banca, 0.33% in più su IRPEF regionale per tutti... La sensibilissima Ministra Fornero aveva proprio ragione di piangere. Lei ci mette le lacrime,i poveri cittadini il sangue, ma con gioia, ieri dopo le sue spiegazioni i vecchietti erano tutti a ballare felici.Spero tanto che un giorno tu ti possa trovare con 800 euro di pensione al mese e con il blocco dell'aggiornamento annuo dovuta all'inflazione e magare con un paio di persone giovani, magari laureati, a spasso o in cerca di lavoro...

    RispondiElimina
  2. se piange chi ha preso una simile decisione, figuriamoci chi la deve subire...

    RispondiElimina
  3. "...La manovra del governo Monti era "necessaria" ma "poteva essere più equa, si è fatto ancora poco. Si sono fatti passi ma potevano essere ancora più equanimi", "si poteva fare di piu' sui redditi alti". Lo afferma mons. Giancarlo Bregantini, responsabile della Commissione Cei per i Problemi sociali e il Lavoro. Secondo Bregantini, "bisogna essere molto attenti sulle pensioni e forse le misure andavano presentate in contemporanea con quelle per la ripresa. Sarebbe stato forse piu' opportuno..."

    invece di essere contento che non hanno messo l'ICI alle numerose costruzioni e centri commerciali del Vaticano e non hanno preso parte dell'8X1000 e baciare il didietro a Monti blaterano ancora ? Io aggiusterei un pò la manovra per far piangere un pò pure loro.

    RispondiElimina
  4. patetica la Fornero con le sue lacrime da commedia, tanto lei cosa ha da perdere? cosa piange? e poi cosa rischia?

    Vorrei sapere cosa è stato deciso in merito ai tagli della politica. Se è quello che ho sentito, ieri sera, ci sta prendendo per i fondelli, il caro Monti con tutta la sua truppa di professori.Una BOCCONI amara!!!! Sono anche loro come tutti i loro predecessori cioè fan pagare chi non può dir mai nulla, tacere e pagare...

    RispondiElimina
  5. beh io preferisco vedere un ministro (la prof.ssa Fornero) che si commuove e piange essendo costretta ad annunciare agli Italiani provvedimenti dolorosi, che l'ex premier raccontar balle agli stessi Italiani circondato da ministre o sottoministre, la cui unica preoccupazione era controllare l'aderenza dei propri collant.

    RispondiElimina
  6. C’è un’azienda in Italia che non ha conosciuto crisi. Occupa milioni di persone, non produce, ma consuma, anzi sperpera. E il conto lo presenta ai contribuenti. Parliamo della politica. Forse qualcosa sta cambiando, ieri Monti ha aperto la conferenza stampa partendo proprio da qui, dagli interventi che il governo ha potuto fare per dare un segnale. Simbolico certamente, perchè non incide sui grandi privilegi. Ma almeno è un segnale. Il premier vorrebbe abolire le province, ma non può farlo così gli ha tolto un po’ di ossigeno. Avranno solo 10 consiglieri eletti nel territorio. Vengono eliminate le giunte. Inoltre le cariche elettive negli organi territoriali non previsti dalla Costituzione saranno a titolo onorifico. Speriamo adesso che ha inboccata la strada giusta che continui per la stessa, di soldi ne risparmierà parecchi.

    RispondiElimina
  7. Se trovi quel ristorante di cui scrivi domanda per favore se anziché un lavapiatti soltanto ne possono assmere due. Fai pure il mio nome anche se mi sto avviando verso gli 82.

    RispondiElimina
  8. Caro Monti, dobbiamo fare di più, facciamo pagare l'ICI a chi non l'ha mai pagata e gode di una libertà fiscale totale in Italia: il Vaticano. Il risparmio annuo per la Chiesa – e la perdita netta per il fisco italiano – si avvicina ai due miliardi di euro. E’ stato stimato approssimativamente in circa 50 mila il numero degli immobili ecclesiastici presenti in tutta Italia (in pratica 1 abitazione su 5), ma un vero e proprio censimento non è mai stato fatto dal catasto, soprattutto sul fronte della destinazione d’uso.Questi sono soldi che questi signori risparmiano e che si potrebbero incassare per risollevare un pochino le nostre sorti. Sui soldi "scudati" poi potevi alzare un pelino la tassazione magari al 2% invece che al 1.5% e risolvevi il problema del blocco delle rivalutazioni pensionistiche o almeno le portavi a 2000 euro lorde max e ti evitavi le "giustissime" ire del sindacato. Ricordati che dei politici o dei tecnici gli italiani fanno a meno ma dei sindacati proprio non possono!

    RispondiElimina
  9. Io ribadisco alcuni concetti chiave:
    1. le tasse proporzionali al reddito sono giuste, le tasse sulla proprietà e sui consumi sono UN FURTO.
    2. le tasse non fanno nessuna differenza rispetto al Debito e sopratutto deprimono ulteriormente l'economia.
    3. nessuno ha chiesto a Monti cosa intende fare per incentivare il LAVORO.
    4. sono tutti preoccupati solo che lo Stato continui a mantenere tutti gli stipendi e le pensioni che paga come REGALIA.
    5. è palese come l'Italia sia uno degli ultimi paesi del "socialismo reale". Ci siamo noi, Cuba e la Corea del Nord.

    RispondiElimina
  10. quello che mi stupisce è che nessuno a parte qualche giornale specialistico riferisca quanto trapela dal gavoerno stesso: l'imposta sui capitali dello scudo non genererà neppure un euro, ecco perchè è stata messa bassa, è il classico specchietto per le allodole. Infatti per applicarla ci sono due modi: o il beneficiario si autodenuncia uscendo dall'anonimato, o lo denunciano le banche (rovinando il rapporto con lucrosi clienti...). Voi ci credete che il ministro Passera .... lasciamo perdere.

    RispondiElimina
  11. Paghiamo tutti per errori che non sono nostri o lo sono solo in parte èerché li abbiamo permessi.
    Purtroppo.

    RispondiElimina
  12. Non ci ucciderà la borsa, non ci ucciderà lo spread, ma ci uccideranno le tasse di Monti. Ora dopo ora si scoprono tutte le carte e le cartine,10 centesimi di aumento pure della benzina! è una legnata da paura. E l'autunno prossimo quando l'IVA farà un balzo in su del 2% sarà una catastrofe per i consumi. Sai che me ne frega di cosa pensano all'estero quando poi a casa non arriverò a fine mese, ma nemmeno al 20...e poi tutti quei vecchi ultrasessantenni al lavoro quanto ci rimarranno? so che marciagaglia li incomincia a licenziare già a 55 anni nelle sue aziende! ma per la ripresa hanno fatto qualcosa ? o hanno messi solo tasse ? io sono convinto che per fare queste riforme bastava un governo di ragionieri, senza scomodare i professori della bocconi.

    RispondiElimina
  13. Ciao Enio e buona giornata. Eccomi tornato dalla "riflessione" per condividere il tuo post, dall'inizio alla fine. Inviterei quei "pensionati" di cui parli, inoltre, a valutare con attenzione quelle "lacrime". La stessa mano che ha sottoscritto quel provvedimento di cui parli e per il quale, la ministra, ha versato lacrime, ha sottoscritto anche l'altro provvedimento che prevede la garanzia dello Stato, ossia anche di quei pensionati in questione, sulle "passività" delle banche! Loro (noi) pagheremo gli errori delle banche che speculano in borsa, al fine di arricchire poche tasche e non creare economia reale, quella che invece è necessaria per salvare il Paese.

    C'è da fidarsi della sincerità di quelle lacrime?

    RispondiElimina
  14. @Carlo

    I dati, elaborati dalla direzione regionale dell'Inps quì da noi, contribuiscono a chiarire la fotografia di quale sarà la perdita di potere d'acquisto per i consumatori nel prossimo anno.
    Uno dei provvedimenti inseriti dal governo Monti ( e elaborata da quella odiosa "tecnica" che piange) nel decreto «Salva Italia» è, come noto, la «deindicizzazione delle pensioni al di sopra del doppio della minima». Un «tecnicismo» davvero ODIOSO che si può tradurre molto più semplicemente così: soltanto chi riceve una pensione minima (468 euro lordi al mese) e colo che hanno un assegno mensile lordo di 936 euro (il doppio della minima) riceverà a partire dal primo gennaio 2012 la rivalutazione del proprio assegno mensile per recuperare l'inflazione annuale (attorno al 2,7 per cento).

    Per tutti gli altri l'anno prossimo e nel 2013 la pensione resterà bloccata alla cifra che incassano oggi. Il che significa, nell'ipotesi di un incremento del costo medio della vita del 2,7 per cento, di circa 30 euro al mese per chi ha una pensione di 1.100 euro lordi al mese e di 54 euro al mese per chi viaggia sui 2.000. Non ci resta che aspettare le prossime elezioni e ricordarci chi "premiare" con il nostro voto... comunque mi meraviglio di Bersani, anche lui ce l'ha attappato in quel posto, ma almeno lui non ha la sfrontataggine di farsi vedere a "piangere"... per quello bastiamo noi!

    RispondiElimina
  15. X enio


    equità al ribasso, rigore promesso, nessuna crescita...

    questo è tutto

    RispondiElimina
  16. ora si scoprono le carte, un pò per volta. La Fornero "piandimarenda" ieri ha detto quanto sarà la "piccola" penale che i lavoratori dovranno pagare per ritirarsi prima dei 66 anni.

    Bene, io dovrei regalare a questo stato ladro che si è mangiato i miei contributi ben 6 anni x 3% = 18% della mia magra pensione retributiva.Questo dopo aver lavorato 41-42 anni. Loro avranno il vitalizio a 60 anni!!LADRI!LADRI!LADRI!!

    RispondiElimina
  17. "Questa manovra è frutto di accordi sottobanco, la dimostrazione che ancora una volta Berlusconi s'è fatto pagare per lasciare il posto". Lo afferma il presidente dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, all'Unita'. Così com'è la manovra è "invotabile", aggiunge il capogruppo Massimo Donadi.

    Io sono convinto che in fondo in fondo dov'è c'è fumo c'è o c'è stato arrosto. Concordo, questa volta anche se mi stanno sulle balle,con gli esponenti dell'IDV

    RispondiElimina
  18. Ma dove è il popolo viola ? E gli indignati ? E i Grillo's Boys ? Tutti zitti, e per ogni porcata di Monti si stà in silenzio. I sindacati fanno solo 3 ridicole ore di sciopero invece di una settimana sana sana. Se la stessa manovra la avesse varata Berlusconi i sindacati e i comunisti (oggi PD) scatenavano i loro amici black block per distruggere tutto. Siamo un Paese di poveretti, in tutti i sensi,dove regnano e dettano legge cattocomunisti senza vergogna. Ora che Berlusconi si è dimesso accettano tutto a nche che glie lo mettano, senza vaselina, in quel posto.

    RispondiElimina
  19. ...sorpresa? l'aumento della benzina l'ha voluto Monti e immediatamente con l'entusiasmo di Napolitano e i voti di Bersani, Casini e Berlusconi... e da oggi ha reso incambiabili le lire con gli euro e pare che abbia fatto risparmiare allo Stato qualche milioncino di euro ancora... stanno grattando il barile ormai... dittatura fiscale ?

    RispondiElimina
  20. Sono solo lacrime di coccodrillo, non ha senso commuoversi per le proprie cattiverie, nessuno l'ha costretta, che vada via..una bocca in meno da sfamare dato che stanno al governo per mangiare... i nostri soldi...Una manovra che avrebbe potuto fare anche un bambino dell'asilo. Fatta apposta per far colare a picco l'economia, ma dove hanno studiato questi alla CEPU? Niente soldi, niente spesa e quindi nessuna ripresa, anzi andremo a fondo.Cari italiani dotiamoci di salvagenti almeno,chissà qualche buonanima ci isserà sulla sua barca e ci farà lavorare in nero in cambio di vitto e alloggio con altri cinquecento clandestini...il mondo gira e gli immigrati potremmo essere noi in un prossimo futuro se non si cambia rotta subito!

    RispondiElimina
  21. @Carmen

    non sò dove hanno studiato questi, oare vemgano dalla Bocconi "amari", stai pur certa che l'Italia la salvano se questo rientra nel disegno dell'Europa, ma la recessione l'anno prossimo ci sarà e non sarà lieve. Hanno messo una paura fottuta a tutti con le spese da sostenere con aumenti vari (IVA e benzina)che faranno aumentare i prezzi e ridurranno il potere d'acquisto di tutti. E poi vogliamo parlare dei licenziamenti in periodo di recessione, te credo che la Marciagaglia è contenta del governo Monti, lei le persone oltre i 55 le licenzia tutte ! Comunque auguro alla Fornero e alla Marcegaglia di dover campare con 1500 euro al mese. a lungo, con un paio di figli a carico.

    RispondiElimina
  22. posso anche capire Belusconi che è entrato e ha governato la politica degli italiani negli ultimi 20 anni per farsi esclusivamente gli affari suoi, mentendo a noi tutti che le cose andavano bene salvo ritrovarci cul culo per terra (governo Monti)e massacrati da tasse inique, ingiuste e vessatorie, MA ditemi dove cazzo è il PD che doveva difendere la classe operaia, gli italiani dalle banche e dai ricchi possidenti italiani che vorrebbero annientarci, oggi e come spera un domani di poter ottenere qualche voto in più da quegli italiani che ha abbandonato al loro destino ? Bersani noi ci ricorderemo di te nel 2013, abbiamo la memoria lunga stanne certo. Dalema e Franceschini perchè non strillate adesso contro i tagli alle pensioni e alla reintroduzione dell'ICI, siete peggio della GRAMEGNA erbe bastarde che hanno attecchito in un partito dei lavoratori dissanguandolo e distruggendolo per solo fini politici e di potere. Ci ricorderemo anche di voi, non dubitatene.

    RispondiElimina